Viareggio, Bollini: “Noi vincitori? Non ne voglio parlare.” E su Keita…

© foto www.imagephotoagency.it

“Noi vincitori del Viareggio? Non ne voglio parlare”. Con queste parole riportate dall’edizione romana dellla Gazzetta dello Sport, il tecnico della Lazio Primavera, Stefano Bollini, spazza via ogni pensiero che potrebbe distogliere l’attenzione dei suoi ragazzi dal prossimo incontro in programma quest’oggi alle 18:00 contro la Juve Stabia, ancora sul campo di Soriano nel Cimino. Dopo il 3-0 rifilato ai pari età della Stella Rossa, nonostante la doppia inferiorità numerica, Bollini ci va piano: “Abbiamo un girone molto complicato, per me ora contano solo le due partite da giocare per passare il turno. Certo, quello con la Stella Rossa è stato un successo importante, visto che per valori in campo era una gara che poteva tranquillamente valere una finale: i nostri avversari avevano fisico e applicazione, unita ad una proprietà di palleggio elevatissima, in tutti gli effettivi. I due centrocampisti erano giocatori di assoluta prospettiva, come i giocatori offensivi. Ma la mia Lazio ha fatto una grandissima gara: in 10 non si vedeva l’inferiorità numerica, e in 9 non hanno sbagliato nulla. Ma soprattutto, per la prima volta siamo riusciti a concretizzare sotto porta l’enorme mole di gioco che produciamo.” E su tutti ha svettato la prestazione di Keita: “Non amo parlare dei singoli, ma dopo una gara del genere è difficile non farlo: la tecnica di Keita la conosciamo, ma in questa partita vorrei sottolineare l’applicazione e il carattere che ci ha messo. Che voglio rivedere, non solo da lui, anche con la Juve Stabia.”

Condividi
Articolo precedente
Gli inquirenti ne sono certi: “Lecce-Lazio è stata combinata”
Prossimo articolo
Perea: “Voglio lasciare il Deportivo da campione, poi andrò in una grande squadra”