Candreva testimone della Junior Tim Cup: il calcio degli oratori arriva negli stadi

© foto www.imagephotoagency.it

Approda a Roma la “Junior Tim Cup – Il calcio negli oratori”, un’iniziativa promossa da CSI, Tim e la Lega di Serie A che coinvolgerà numerosi giovani in un grande torneo di calcio a 7 nelle 16 città delle squadre della massima serie. Riservata ai giovani under 14, la Junior Tim Cup darà la possibilità alle tipiche squadra dell’oratorio di guadagnarsi i palcoscenici più ambiti del calcio italiano. I teatri di questi match saranno infatti i maggiori stadi italiani nei pre-partita degli incontri di Serie A: la finalissima verrà disputata allo stadio Olimpico di Roma, appena prima del calcio d’inizio della finale di Coppa Italia. A rappresentare la società Lazio all’Oratorio Ognissanti per la presentazione di questa manifestazione tocca al centrocampista biancoceleste Antonio Candreva, un tempo assiduo frequentatore dei campetti di periferia, oggi pedina fondamentale della squadra di Vladimir Petkovic. Dopo la cerimonia, Candreva si è concesso alle richieste dei bambini presenti firmando autogradi e scattando foto. Con la Junior Tim Cup, le partite tra oratori avranno tutto un altro sapore. D’altronde, come recita lo slogan dell’iniziativa,il calcio è di di chi lo ama”.

 
Poi Candreva ha risposto alle domande dei bambini presenti: “Il mio gol nel derby? Un’emozione unica. Ma oltre il gol, non ho dormito la sera prima per l’emozione, perché qui a Roma è una partita importante. E’ il gol più importante della mia carriera fino ad oggi. Non l’avevo mai provato e dall’esterno non si sente la pressione. E’ una partita particolare“. Poi si parla del suo ultimo gol contro il Borussia: “Bella emozione, non avevo mai segnato in Europa, è un’esperienza nuova. Per chi tifo? Non sono stato mai il tifoso di una squadra in particolare. Gioco per la Lazio e darò tutto me stesso per questa squadra che ha rappresentato la mia rinascita. A chi mi sono ispirato? Nessuno in particolare, mi piacevano tutti i numeri 10″.

 

 

Condividi
Articolo precedente
Zamparini risponde a Lotito: “Non accetto lezioni”
Prossimo articolo
La rinascita di Radu: uomo-spogliatoio, sicurezza in campo e…