Primavera – Sconfitta indolore per la Lazio già proiettata alle final eight

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio Primavera perde a Ferrara contro la Spal per 4-3 nell’ultima partita delle regular season prima delle final eight

Ultimo appuntamento della regular season per la Lazio Primavera, scesa in campo alle ore 11:00 a Ferrara. La squadra di Bonatti chiude il campionato con una sconfitta rotonda per 4-3 sul campo della Spal. Qualche cambio per l’occasione, ma nessuno stravolgimento di formazione. In porta c’è Borrelli; in difesa Spizzichino, Baxevanos, Petro e Ceka; a centrocampo Cardoselli e Folorunsho (in campo nonostante la diffida) ai lati di Rezzi; davanti tridente inedito formato da Bezziccheri, Al Hassan e Javorcic. Resta in panchina capitan Rossi, diffidato e preservato per le finali. Classica partita di fine stagione piena di capovolgimenti di fronte quella che va in scena a Ferrara. La prima occasione del match è di marca laziale: Al Hassan si rende protagonista di un azione travolgente sulla sinistra e serve Bezziccheri sull’altra fascia. L’esterno stoppa e calcia colpendo in pieno il palo. Tre minuti più tardi è sempre il numero 10 ad avere sui piedi l’occasione del vantaggio, dopo una punizione precisa di Folorunsho dalla propria metà campo. Bezziccheri questa volta con il sinistro, spreca ancora da posizione favorevole. Vuole fortemente il gol l’esterno destro, ancora vicinissimo alla rete: questa volta calcia a botta sicura da pochi passi, ma Thiam si salva con i piedi, deviando miracolosamente in angolo. La Spal si fa vedere per la prima volta alla mezz’ora con Strefezza, chiuso benissimo da Borrelli in uscita. Risponde subito la Lazio con un grande affondo di Spizzichino che si fa 50 metri di campo e mette al centro per Javorcic che non trova l’appuntamento con il pallone. Il centrocampista serbo nell’azione seguente rimane a terra dopo un contrasto che lo costringe ad abbandonare il campo. Al suo posto dentro Ramon Muzzi. Dopo un primo tempo in letargo la Spal passa al primo vero affondo:  Strefezza scappa via a Baxevanos e Petro, rientra sul destro e batte Borrelli. Passano due minuti e i padroni di casa raddoppiano con un’ azione in fotocopia, questa volta però è Ubaldi ad andare in rete. La Lazio accusa il colpo e prende anche il terzo gol al 46’ con destro chirurgico di Di Pardo dove non può arrivare Borrelli.

REAZIONE D’ORGOGLIO – Bonatti prova a scuotere i suoi ed effettua il secondo cambio: fuori Folorusnho, dentro Portanova. Scende l’intensità nella seconda frazione, ma il copione è sempre lo stesso con i biancocelesti a fare la partita. 17′ la Lazio accorcia le distanze: Cardoselli batte l’angolo e chiama lo scambio con Al Hassan. Il numero 7 riceve e crossa al centro dove Bezziccheri stoppa e calcia al volo, mettendo al quarto tentativo, il pallone alle spalle di Thiam. È Cardoselli uno dei più attivi e ci prova dai 30 metri. Thiam blocca in due tempi. Quando mancano 20 minuti alla fine Bonatti si gioca l’ultimo cambio mandando in campo Sarac, alla prima presenza stagionale dopo l’infortunio al ginocchio. A fargli posto è Cardoselli. La Lazio prova a riaprire la partita, ma è la Spal ad andare di nuovo a segno: intervento dubbio su Ceka che da il là al contropiede. Strefezza avanza e serve Parolin che di sinistro incrocia e chiude la partita. Non si arrendono i biancocelesti che ci provano fino alla fine, andando anche vicini al secondo gol con una rovesciata di Muzzi. E’ lo stesso Muzzi a trovare il gol qualche minuto più tardi: l’attaccante salta il portiere e calcia in porta, arriva il difensore Ferrari che tocca e manda in rete. Nel recupero arriva anche il 4-3 a firma di Sarac che con un sinistro a incrociare batte Thiam, per quello che è il suo primo gol in stagione. La Lazio perde 4-3 a Ferrara e si proietta alle final eight, dove arriva da vincitrice del campionato primavera girone A.