Serie A, il nuovo protocollo: no al maxi ritiro e controlli più frequenti

gravina
© foto @Calcionews24

Serie A, il nuovo protocollo prevede alcune modifiche rispetto a quello approvato in precedenza dal CTS

Sembrava tutto pronto per ripartire già da oggi almeno con gli allenamenti collettivi e invece nella giornata di ieri è arrivata la frenata. Protocollo, quello approvato dal Comitato tecnico-scientifico, ritenuto inapplicabile e quindi nuovo protocollo che ieri sera è stato recapitato al Ministro dello Sport Spadafora e che dovrà essere valutato.

Come riporta La Gazzetta dello Sport le differenze rispetto al precedente sono due: la prima evita il maxi ritiro, si dorme a casa. A ogni sessione, ci sarà il termo scanner che misurerà la temperatura e chi ha più di 37,5 dovrà tornarsene a casa. Per far si che ciò avvenga serviranno controlli più frequenti: tamponi ogni quattro giorni. La seconda invece risolve, per ora, la questione se capitasse un positivo in squadra. Quarantena per tutti si ma all’interno del centro sportivo continuando gli allenamenti e isolando il calciatore positivo.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy