Recanatesi: «Si parla troppo poco di Strakosha e Radu. Juventus? Deve temere la Lazio…»

uefa lazio esultenza
© foto www.imagephotoagency.it

Il parere del giornalista Franco Recanatesi sulla Lazio e sulle prestazioni di Strakosha e Radu. Poi dà un consiglio alla Juventus

«La Lazio non è una sorpresa», non ditelo al ds Igli Tare che ieri ha risposto così ad una provocazione. I risultati sono frutto di un progetto nato da lontano, ma anche dalle grandi capacità motivazionali di mister Simone Inzaghi. Il tecnico biancoceleste ha messo insieme i pezzi del puzzle messi a disposizione della società, ne ha tratto il massimo da ognuno. E’ in sintesi questo il pensiero di Franco Recanatesi, famoso scrittore e giornalista, che per le pagine odierne del Corriere dello Sport ha commentato: «Mago Simone ha saputo creare un nucleo senza scalfi tture, continuando a “toccare” con la sua bacchetta tanti giocatori di una rosa all’origine risicata e criticata. Si è già parlato tanto del boom di Immobile, dell’imprevedibile esplosione di Luis Alberto e dell’immediato adattamento di Lucas Leiva, ma troppo poco dello straordinario rendimento di Strakosha e di Radu. Se la Lazio subisce pochi gol (5 escludendo la quaterna napoletana, 2 in Europa League), se i timori di un tracollo dopo la catena di infortuni nel reparto arretrato sono stati fugati (un solo gol subito, su rigore, nelle tre partite dell’emergenza) è per merito, in buona parte, del giovane portiere, freddo e attento come un veterano, e del trentunenne difensore tornato – per sua stessa dichiarazione – ai rendimenti giovanili. Accanto a loro anche il debuttante Luiz Felipe e il ripescato Patric hanno avuto modo di ben figurare. Insomma, tutto va bene. Attenta Juve…