Prossima tappa Stoccarda, scopriamo la squadra tedesca

© foto www.imagephotoagency.it

Stoccarda, in tedesco Stuttgart, sarà la prossima tappa europea della banda di Petkovic. La città sorge nella Germania meridionale ed è composta da circa 600.000 abitanti. Questa è considerata la patria dell’automobile, qui sono sorti i primi veicoli a due e a quattro ruote, qui ci sono gli impianti originali di marchi storici come la Porsche e la Mercedes-Benz. Ma Stoccarda non è solo questo, è anche calcio. 

STORIA – Il VfB Stuttgart nasce nel 1893 come Stuttgart FV 93 per poi prendere il nome attuale dopo la fusione del 1912 con il Kronen-Club Cannstatt. I colori sociali sono il bianco ed il rosso, i giocatori sono chiamati i rossi opposti ai rivali dello Stuttgarter Kickers soprannominati i blu. Il club può far vanto di molti titoli: 5 campionati tedeschi, 3 coppe di Germania e 2 coppe Intertoto. Inoltre ha disputato due finali di competizioni Uefa: una nel 1989 contro il Napoli in Coppa Uefa ed una nel 1998 contro il Chelsea nell’antica Coppa delle Coppe. Entrambe perse per sfortuna dei tedeschi. Lo Stoccarda è anche la squadra che ha lanciato Mario Gomez, ‘antagonista’ di Klose in nazionale, che ha giocato per i rossi dal 2003 al 2009. Nel 2007 la squadra guidata dall’attaccante e da Khedira riesce nell’impresa di vincere il 5° titolo nazionale dopo ben quindici anni.

STADIO – Il nome attuale è Mercedes-Benz Arena, ma nel 1933, anno della sua inaugurazione, venne chiamato Neckarstadion per la vicinanza al fiume Neckar. Verso la fine degli anni ottanta fu intitolato Goittlieb Daimler, ma il 30 luglio 2008 in occasione di un amichevole contro l’Arsenal fu definitivamente chiamato Mercedes-Benz Arena. Ha una struttura circolare ed una copertura su ogni settore. E’ stato ristrutturato recentemente portando l’arena tedesca verso un modello inglese composto da 60441 posti.

OGGI – La squadra in questa stagione è dodicesima in Bundesliga e nelle ultime cinque partite ha ottenuto quattro sconfitte consecutive interrotte dalla vittoria nella scorsa giornata in casa dell’Hoffenheim. L’allenatore è Bruno Labbadia che ultimamente schiera un 4-5-1 simile al 4-1-4-1 di Petkovic o un 4-2-3-1 con tre giocatori di movimento dietro un’unica punta. Tra questi oltre Ibisevic, Harnik e Cacau figura anche l’ex laziale Macheda in prestito dal Manchester United. Da temere sicuramente i sopraelencati Ibisevic ed Harnik, ma anche il giapponese Okazaki.

CAMMINO EUROPA LEAGUE – Il cammino dello Stoccarda è iniziato con la sfida nei playoff contro la Dinamo Mosca il cui confronto tra andata e ritorno è terminato 3-1 a favore dei tedeschi. Il sorteggio li ha inseriti nel girone E con Steaua Bucarest, Copenaghen e Molde. I rossi si sono qualificati con 8 punti come secondi, dietro ai romeni. Ai sedicesimi di finale hanno incontrato il Genk vincitrice del girone G con 12 punti. All’andata, disputata in Germania, l’incontro era terminato 1-1 con gol di Gentner e risposta dei belgi al 90’ con Plet. Nella sfida di ritorno lo Stoccarda riesce nell’impresa di uscire vincitrice dalla tana dei belgi, fino a quel momento imbattuti in Europa, per due reti a zero grazie a Boka e ancora a Gentner. Il Genk era una delle poche squadre imbattute della competizione, tra le quali figura anche la Lazio. Lo Stoccarda cerca una nuova impresa.

Articolo precedente
Felipe Anderson e la Lazio sempre più vicini…
Prossimo articolo
Tutti i risultati dei sedicesimi di Europa League