Primavera, altra occasione gettata al vento: la salvezza è sempre più lontana

Alia
© foto @Twitter

Milan-Lazio 2-1, match valido per la 23^ giornata del Campionato Primavera 1 TIM

Mancano solamente nove giornate dal termine del Campionato Primavera. Quest’oggi i ragazzi di Bonacina se la vedranno con il Milan in trasferta, sfida difficile ma non impossibile. Bisogna assolutamente vincere per allontanarsi dalla zona play-out, sono necessari 8 punti per la salvezza diretta. Ci sono alcune novità per il tecnico bergamasco perché rientreranno Rus, Pedro Neto, Lukaj e Falbo; da sottolineare anche la presenza di Maloku. Gli indisponibili per i capitolini sono Boateng, Zitelli, Rezzi, Sarac, Rozzi, Spurio e Peguiron. I biancocelesti scenderanno in campo con il 3-5-2: Alia tra i pali; difesa con Kalaj, Jorge Silva e Petro; linea mediana composta da Spizzichino, Bari, Miceli, Marchesi e Falbo; Tandem offensivo formato da Pedro Neto e Del Signore. Allo STadio F. Chinetti di Solbiate Arno il Milan vince. Milan-Lazio 2-1 [(36′ Forte (M), 60′ Tsadjout (M), 78′ rig. Miceli (L)].

PRIMO TEMPO –  Si inizia dopo un doveroso minuto di silenzio per Davide Astori, ex giocatore anche della Primavera milanista. I padroni di casa partono subito forte con un calcio piazzato, deviato di testa da Forte sulla cui conclusione salva tutto Alia. Al 14′ il Milan con Brescianini va davvero vicino al vantaggio, centrando il pallo e poi sulla sfera si agguanta Forte, che sbaglia clamorosamente a porta vuota. Al 23′ Pedro Neto va a terra e si guadagna una buona punizione per la Lazio. Un minuto dopo Miceli tenta il gol su punizione ma Guarnone riesce a metterla in calcio d’angolo. Al 30′ arriva un forfait per i capitolini: Bari non ce la fa per un problema, al suo posto entra Mohamed. Sei minuti dopo arriva la rete di Forte su assist di Tsadjout, beffato Spizzichino. Milan-Lazio 1-0. Al 45′ arriva anche un palo del Milan con Pobega. La prima frazione si chiude al 45’+1′ con i rossoneri in vantaggio.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione inizia certamente con una Lazio più propositiva. Al 58′, infatti, Miceli su punizione mette in difficoltà la difesa lombarda, ma alla fine Guarnone sventa il pericolo; subito dopo fa il suo ingresso in campo Maloku, a fargli spazio sarà Del Signore. Due minuti dopo arriva il raddoppio del Milan con Tsadjout, che la mette sotto al sette con un sinistro a giro. Molto dubbio l’intervento su Marchesi da cui poi è nato il 2-0. Al 63′ l’ex d’eccezione Marchesi va vicinissimo al 2-1, ma la palla esce di poco. Al 77′ arriva il calcio di rigore per i capitolini: Pedro Neto salta Brescianini che lo atterra, penalty ineccepibile. Al 78′ Miceli realizza il rigore spiazzando l’estremo difensore lombardo. Milan-Lazio 2-1. All’81’ Forte non finalizza un contropiede gestito da manuale dai suoi compagni, rossoneri sempre pericolosi nelle ripartenze. Per i biancocelesti all’85’ arriva il terzo ed ultimo cambio: esce Marchesi ed entra Aliaj. Il match si conclude al 90’+3′ con un’altra sconfitta.