Pinzi: «Battiamo la Roma come il 26 maggio! La curva Nord…»

© foto www.imagephotoagency.it

Giampiero Pinzi, ha parlato del derby di stasera e non dimentica quello del 26 maggio

Il derby è sempre il derby, lo sa bene anche Giampiero Pinzi, centrocampista del Brescia e grande tifoso biancoceleste. L’ex Chievo ha parlato della sfida di stasera tra Lazio e Roma ai microfoni de il posticipo.it: «Come tutti i derby sarà una partita molto tesa, molto equilibrata, che verrà decisa sia all’andata che al ritorno dai singoli episodi. Io spero sia decisivo un uomo qualsiasi della Lazio, uno a caso basta che si riesca nell’impresa di approdare in finale a discapito della Roma». Quattro anni dall’ultimo successo laziale in un derby, e Giampiero era lì, a tifare in Curva Nord quel 26 maggio 2013: «Una giornata di grandissima tensione, sia nei giorni precedenti che a pochi minuti dal fischio d’inizio. Poi abbiamo vinto e quel giorno lì ho sicuramente avuto una delle delle più grandi soddisfazioni da tifoso. Vincere la finale in casa è stata un’emozione veramente unica. Ultimamente mi viene un po’ difficile tornare all’Olimpico, ma quando c’è la possibilità sicuramente lo faccio. Le barriere? Penso che non esiste il calcio senza il cuore centrale della partita, sono le curve sono che ti fanno vivere l’emozione. In questo caso ancora di più perché è un derby. Poi dividere la curva così non vedo che benefici abbia portato e possa portare. Noi giochiamo per far felici i tifosi, la più grande soddisfazione è quando regali loro una gioia e sicuramente giocare in uno stadio deserto non è bello e non è il calcio che tutti amiamo».