Le PAGELLE di Lazio-Milan: Immobile non molla, male Lulic. Correa sfata il tabù

rodia
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Lazio-Milan: ecco i voti ottenuti dai biancocelesti nel corso del match contro i rossoneri di Gattuso

Le pagelle di Lazio-Milan / Alla ripresa del campionato, la Lazio trova sulla sua strada il Milan ‘incerottato’ di Gattuso. Il match termina con la in pareggio, grazie alla rete di Kessiè al 78′ e quella di Correa in pieno recupero. Ecco i voti ottenuti dai biancocelesti nel corso dei 90 minuti:

Strakosha: Non viene chiamato quasi mai in causa, anche se alcuni suoi interventi – soprattutto in uscita – continuano a far tremare i tifosi della Lazio. Sul gol di Kessié non avrebbe potuto fare nulla, vista anche la deviazione di Wallace, che fa cambiare la traiettoria del tiro. VOTO 6

Wallace: La prestazione del brasiliano si piazza sulla sufficienza. Sembra soffrire Cutrone e, nel corso del primo tempo, si lascia andare ad un’indecisione proprio sul baby attaccante. Altri suoi interventi, però, sono fondamentali per il risultato. Al 70′ colpisce la palla di testa andando vicino al gol. VOTO 6

Acerbi: Solita buona prestazione per Francesco Acerbi, che affronta la sua ex squadra per la prima volta con l’aquila sul petto. Provvidenziale la chiusura su Calhanoglu a dieci minuti dall’inizio della gara. VOTO 6,5

Radu: Non è il solito. Non sembra essere all’interno della manovra biancoceleste, soffre Suso e gli consente troppe volte l’imbucata. VOTO 5,5 (Dall’80’ Caicedo SV).

Marusic: Parte bene e nei primi minuti di gioco è uno dei più propositivi. Sulla sua fascia c’è Borini, ma il montenegrino non sembra soffrirlo. Nei primi minuti di gioco, avrebbe potuto far di più nell’assist ad Immobile. Nel corso della gara, cala un po’, fino a riaccendersi al 54′, ma sbaglia nuovamente il cross per il bomber della Lazio. VOTO 6

Parolo: Nei primi minuti di gioco è decisamente uno dei più propositivi, inserendosi bene all’interno della trama difensiva del Milan. A qualche secondo dal termine della prima frazione di gioco, tenta la rete con uno splendido tiro a giro, che si perde di poco al lato di Donnarumma. In apertura di secondo tempo, poi, si lamenta per una trattenuta subita all’interno dell’area di rigore, ma secondo Banti non c’è fallo. VOTO 6,5

Badelj: E’ un altro Badelj rispetto a quello che aveva giocato qualche spezzone di partita finora. Autore di qualche recupero fondamentale a centrocampo, al 15′ prova anche la conclusione dal limite dell’area di rigore, ma la palla si perde al lato della porta. VOTO 6,5

Milinkovic: Va vicino al gol, staccando di testa su corner di Luis Alberto dopo qualche minuto dal fischio d’inizio di Banti. Duetta bene con Immobile in occasione del primo gol, per poi consegnare la palla in rete e beffare Donnarumma. Il gol viene annullato causa fuorigioco.  Dopo qualche minuto ottiene il cartellino giallo, per aver ‘franato’ su Calhanoglu. Il ‘Sergente’ chiede scusa, l’arbitro non lo grazia. In crescita rispetto alle precedenti uscite, la prestazione di quest’oggi lascia spazio all’ottimismo. VOTO 6 (Dal 63′ Lukaku: tenta qualche ‘strappo’ e cross all’interno dell’area di rigore, ma non ha ancora raggiunto la brillantezza che lo caratterizzava prima dell’infortunio VOTO 5,5).

Lulic: Non è la sua giornata. Si rende protagonista di qualche progressione sulla fascia, senza comunque lasciare la propria impronta sulla gara. Sbaglia tanto e lo fa anche in occasione del vantaggio rossonero. VOTO 5

Luis Alberto: Lampi del ‘Mago’. Serve con una tocco di gran pregio Parolo che, al volo, non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. In apertura di secondo tempo tenta di punire Donnarumma con una mezza rovesciata. Cala dal punto di vista fisico e a mezzora dal termine della gara, Inzaghi lo sostituisce. VOTO 6 (Dal 63′ Correa: entra in campo volenteroso. La sua magia, in pieno recupero, salva la Lazio dalla sconfitta. VOTO 7).

Immobile: Nella prima parte della gara non viene servito in modo preciso dai compagni, che sprecano varie occasioni. Alla mezz’ora, però, si riscopre assist-man e mette il proprio zampino sul gol – poi annullato – di Milinkovic. Non incide come al solito sul match, ma la sua performance è condita da grinta e determinazione. E’ l’ultimo ad arrendersi e, all’88’ si guadagna un importante calcio d’angolo. VOTO 6

Articolo precedente
la moviolaLa moviola di Lazio-Milan: male Banti, manca un rigore
Prossimo articolo
Gattuso, Leonardo e Abate in coro: «Pari positivo, abbiamo messo in difficoltà la Lazio» – VIDEO