Ledesma: «La Lazio può vincere l’Europa League. Inzaghi? E’ simbolo di lazialità»

ledesma
© foto @lazionews24

L’ex capitano biancoceleste Cristian Ledesma, attualmente in forza al Lugano, ha rilasciato un’intervista in cui parla della Lazio

Ultimo nel girone G di Europa League il Lugano di Cristian Ledesma, che alle ore 19:00 affronterà l’Hapoel Beer Sheva. L’ex capitano biancoceleste, è stato intervistato da SoFoot.com e tra i tanti temi toccati, non poteva esimersi dal parlare della Lazio: «Squadra di Inzaghi favorita per la vittoria finale dell’Europa League? E’ una competizione molto lunga. Per ora è l’unica squadra che ha vinto tutte le sue partite. Sa cosa vuole sul campo, continua a progredire tatticamente, qualitativamente, ma anche fisicamente. Da qui a dire che è la favorita, non lo so. Ci sono squadre più abituate a giocare in Europa, ma diciamo che ha una possibilità contro tutti». Un giudizio su Simone Inzaghi: «Non l’ho mai visto lavorare, e il suo debutto non era previsto, sappiamo tutti che sarebbe dovuto arrivare Bielsa e invece poi hanno richiamato Inzaghi. Sono sorpreso positivamente, perché la sua squadra è veramente consapevole dei propri mezzi. Se è un simbolo di lazialità?  Assolutamente, è qualcuno che ha giocato alla Lazio e soprattutto che è rimasti lì fino alla fine della carriera. È un qualcosa in più molto importante e lo trasmette ai suoi giocatori».

IL PASSATO NELLA LAZIO – La nostalgia si impossessa poi di Cristian Ledesma: «Se penso alla Lazio la prima cosa che mi viene in mente è il derby. Una partita che offre sensazioni paragonabili a nessun’altra, nemmeno alla Champions League. Se ne parla dal primo giorno del tuo arrivo. Il derby romano riassume tutto, va oltre il calcio. Mi sono legato a questi colori per quello. Colori? Abbiamo un ottimo rapporto perché sono come mi vedi, penso che la gente mi abbia apprezzato soprattutto per questo. Ancora oggi, quando vado a Roma, o se incontro un laziale a Lugano, mi chiamano “ capitano “, mi commuove ogni volta».