Lazio verdeoro con Cafu, Walace e Rodrigo Caio?

calciomercato lazio rodrigo caio
© foto Calcio News 24

Il calciomercato invernale non decolla, la Lazio potrebbe proiettare i suoi sforzi a giugno portando a Roma Cafu, Walace e il vecchio obbiettivo Rodrigo Caio

Con il calciomercato di gennaio che non ingrana (le entrate a detta di Tare sono congelate fino all’eventuale partenza di qualcuno) la Lazio sembra essere a lavoro per il futuro. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport i biancocelesti continuano i propri tentativi per portare a Roma Jonathan Cafu del Ludogorets. Con i bulgari che chiedono 10 milioni ballano 4 milioni di distanza. A fare la differenza, tuttavia, potrebbe essere la volontà del calciatore che ha più volte chiesto informazioni a Felipe Anderson circa l’ambiente romano. Strapparlo alla concorrenza di Leicester, Lione, Saint-Étienne e Porto, tuttavia, non sarà affatto semplice. Oltre a Cafu, la Lazio segue altri calciatori verdeoro: con il probabile addio di de Vrij, torna in auge il nome di Rodrigo Caio, centrale del San Paolo inseguito a lungo in estate, particolarmente nel periodo in cui Bielsa era designato a sedere sulla panchina laziale. Alla fine non se ne fece nulla ma il discorso si può riaprire con Caio che nel frattempo è anche diventato comunitario. Altro brasiliano seguito per giugno è Walace del Gremio: il 22enne occupa la stessa posizione di Biglia, non a caso è stato individuato da molti come il vice dell’argentino. La sua valutazione però è molto alta: il club di Porto Alegre chiede 15 milioni, una cifra fuori portata per la Lazio che vorrebbe vedere abbassarsi le pretese. Vederli tutti e tre a Formello appare oggi uno scenario difficile: di questi tempi andrebbe bene accontentarsi di vederne anche solo uno, magari quel Cafu, già avvezzo al calcio europeo e che potrebbe essere il sostituto del quasi certamente partente Keita.

Articolo precedente
Floccari: «In B per giocare. La Lazio mi ha dato tanto»
Prossimo articolo
bolognaMatuzalem: «Lazio, grande squadra. Derby? Vale quanto uno Scudetto»