Primavera – La Lazio passeggia sul Latina e dimentica la Fiorentina: ora le final-eight sono più vicine

primavera
© foto @LazioNews24

La Lazio primavera si mette alle spalle la debacle contro la Fiorentina e rifila tre gol al Latina, avvicinandosi alle final-eight

Una vittoria per dimenticare il passo falso di Firenze. La Lazio Primavera strapazza il Latina e torna al successo sul ‘Mirko Fersini’ con un sonoro 3-0 sul Latina, con le final-eight che sono sempre più vicine. Bonatti per l’occasione non può disporre degli squalificati Adamonis e Folorunsho, allora in porta tocca a Borrelli. In difesa Spizzichino, Miceli, Baxevanos e Ceka;  a centrocampo Cardoselli e Rezzi si muovono ai lati di Barì; davanti a supporto di Rossi ci sono Bezziccheri e N’Diaye. Partono subito forti i biancocelesti, vicini al vantaggio con capitan Rossi dopo 3 minuti, fermato in angolo da Bartoletti. Sul successivo tiro dalla bandierina è ancora il numero 9 a rendersi pericoloso, ma questa volta manda alto sopra la traversa. Il più vivace è ancora Rossi che non sfrutta un tacco smarcante di Rezzi in area. Dopo tante occasioni nel primo quarto d’ora al 16’ la Lazio passa in vantaggio: Ceka crossa sul secondo palo, sponda di Rossi per N’Diaye che ben appostato al centro dell’area, insacca di testa. Poco prima della mezz’ora i biancocelesti raddoppiano sempre con N’Diaye protagonista: il cross del numero 7 non trova nessun compagno al centro dell’area, ma c’è il difensore del Latina Santovito che infila il pallone nella propria porta. L’esterno senegalese è scatenato e sfiora il tris su un cross di Spizzichino, ma la conclusione di testa termina alta. Assistono al primo tempo dominato della squadra di Bonatti anche Bastos, Wallace e Lombardi, in attesa di iniziare la rifinitura.

REGOLARE AMMINISTRAZIONE – La ripresa riapre con un cambio: fuori Cardoselli, dentro Portanova. Gestisce senza affondare la Lazio forte dei due gol di vantaggio. La rete che chiude la partita arriva al 64’ con un lancio di Miceli per Rossi che si coordina al volo per una spettacolare sforbiciata. Sono 23 i gol in campionato per il bomber biancoceleste. Il capitano dopo il tris viene sostituito da Muzzi; meritato riposo anche per Bezziccheri uno degli insostituibili di Bonatti. Al suo posto Javorgic. La partita scorre via fino al 90’ senza particolari sussulti, unica azione degna di nota di N’Diaye in pieno recupero, ma il destro del senegalese si perde sul fondo. La Lazio vince 3-0 e sale a 52 punti consolidando il primo posto a tre giornate dalla fine e guadagnando margine sulle inseguitrici Sampdoria e Fiorentina, bloccate sul pari da Spezia e Vicenza. Ora i punti di vantaggio sul terzo posto sono sei con le final-eight che non sono mai state così vicine.