On this day, la Lazio ipoteca la salvezza contro l’Ascoli

giordano
© foto www.imagephotoagency.it

On tihis day, è il 6 maggio del 1984: la Lazio affronta l’Ascoli sul campo dell’Olimpico per guadagnarsi la salvezza

La Lazio insegue la salvezza sul campo dell’Olimpico, nell’altra metà c’è l’Ascoli. La gara però si gioca con le orecchie tese ad ascoltare le notizie che arrivano da San Siro, dove il Pisa – diretta concorrente dei biancocelesti per la permanenza in A – sfida il Milan.
In panchina c’è Carosi, Giordano guida l’attacco alla difesa marchigiana, mentre Manfredonia si carica la squadra sulle spalle.
I padroni di casa orchestrano un vero e proprio assedio alla porta di Muraro, ma per far esplodere lo stadio romano bisognerà aspettare una punizione concretizzata dallo sfortunato Nicolini. La gioia dell’autogol viene spenta dopo una manciata di minuti, quando Giordano rende il favore agli ospiti con una deviazione sciagurata: è 1-1.
A Milano, intanto, il Pisa pareggia. Tutto da rifare nel secondo tempo.

Bastano tre minuti della ripresa per far capire a tutti che la Lazio c’è e vuole vincere: Cupini raccoglie la palla dopo il dribbling di Giordano e la scarica in rete con una diagonale rasoterra perfetta.
Da San Siro, invece, arriva la notizia della rete di Blissett: adesso si può sorridere e pensare alla salvezza con il sorriso stampato.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy