Lazio, Acri: «Vi racconto la complicata cessione di Behrami»

Behrami
© foto @Youtube

Lazio, la complicata cessione di Behrami al West Ham organizzata e raccontata da Guglielmo Acri

Guglielmo Acri, direttore sportivo e scouting, ha raccontato ai microfoni di TMW il complicato passaggio di Behrami dalla Lazio al West Ham:

«Ho avuto la fortuna di collaborare con la Lazio del Presidente Lotito, mi occupavo delle cessioni. In quella Lazio c’era una rosa abbastanza ampia e delle uscite da fare come Makinwa e Stendardo. Tra le varie problematiche c’era anche quella di Valon Behrami che si stava accasando al West Ham con l’articolo 17. Lotito mi diede mandato di concludere positivamente la negoziazione evitando l’articolo 17 tramite un agreement. Chiamai Gianluca Nani, direttore sportivo del West Ham, che montò su un aereo dall’Inghilterra e venne a Roma per trovare una soluzione. In tre giorni di trattativa il Presidente trovò buone argomentazioni per negoziare. Una sera ci trovammo con Gianluca a mangiare vicino Trastevere e la vicenda non era stata ancora risolta. La parte meno convinta era l’agente del giocatore, all’epoca Alessandro Beltrami, e il calciatore stesso che non aveva abbastanza fiducia per varie rinunce da dover firmare per annullare l’articolo 17 in essere e concludere la cosa con un accordo bonario».

«Mi venne un’idea. Chiamai nella notte Ninni Imborgia, che mi rispose al secondo squillo. Gli raccontai tutta la situazione e in virtù del suo rapporto con Beltrami gli chiesi di intercedere e convincere agente e calciatore a risolvere la questione. La mattina dopo Imborgia mi disse che sarebbe stato risolto tutto. Poi venne facile compilare tutte le carte e chiudere la cosa con un accordo, il primo tra due società di calcio che annullarono l’articolo 17».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy