Inzaghi: «Lavorando da squadra possiamo raggiungere grandi traguardi. Juve? La Lazio è casa mia…»

Inzaghi lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Inzaghi si gode la vittoria contro il Milan: «Alla vigilia della gara nessuno avrebbe scommesso su di noi»

Oltre a Ciro Immobile che ha segnato una tripletta, il merito di questa vittoria è sopratutto di Simone Inzaghi. L’allenatore dei biancocelesti ha preparato nel migliore dei modi la partita contro i rossoneri e al termine della gara ha parlato ai microfoni di Premium Sport«Quest’anno sarà più difficile avendo anche l’Europa League ma giocando in questo modo ci toglieremo delle soddisfazioni. Alla vigilia della gara contro il Milan nessuno avrebbe detto che sarebbe finita in questo modo. Avevo visto la squadra bene, molto tonica, sapeva cosa fare. Champions? Contro si noi ci sono corazzate, la nostra soddisfazione è vedere l’olimpico pieno. Lavorando da gruppo possiamo togliere tante gioie. Futuro alla Juventus? Fanno piacere queste voci, ma la Lazio è il mio punto di arrivo. Immobile? L’anno scorso ero felicissimo del suo arrivo. Si è inserito nel gruppo e si è messo a disposizione del mio staff. Dopo un anno è diventato uno dei leader di questo gruppo meritando anche la fascia da capitano. Adesso qualcuno parlerà di più di questa Lazio. Deve crescere l’autostima di tutti, sappiamo che possiamo toglierci grandi soddisfazioni lavorando in questo modo. Lucas Leiva? Ha fatto una partita straordinaria. Abbiamo lavorato molto sulle linee di passaggio. Insieme agli altri è stato bravissimo nel leggere le traiettorie. Nani? Avrà il suo tempo per sistemarsi. Lui non ha problemi a giocare nelle due punte o come esterno. Toccherà a noi dello staff e ai suoi compagni integrarlo nel migliore possibile. Nonostante i cambi i ragazzi mi assecondano tutti, questa squadra ha una grandissima umiltà. L’anno scorso sono stati straordinari. Noi cercheremo di farci trovare pronti. Biglia? Ci siamo salutati prima della partita, lo stimo come calciatore e come uomo. Lui l’anno scorso si è sempre messo a disposizione anche quando aveva problemi fisici cercava sempre di anticipare i rientri, è un grandissimo giocatore».  

L’allenatore biancoceleste è poi intervenuto anche ai microfoni di Sky Sport: «Siam stati bravi, è stata una partita intensa, di sacrificio. Negli ultimi 2-3 giorni si vedeva che stavamo bene, sarei stato dispiaciuto se non si fosse giocato. Fortunatamente la Prefettura e gli organi competenti hanno dato il permesso. Dopo la Supercoppa c’era grande entusiasmo, poi è calato, magari adesso ci metteranno al sesto posto, ma con questo spirito di sacrificio possiamo fare belle imprese. Anche oggi abbiamo meritato grazie a questo gruppo. Felipe Anderson e Nani? C’è bisogno che tornino, adesso avremo 7 gare in 20 giorni, siamo corti con le rotazioni. Nani forse rientrerà prima di Felipe Anderson, sono giocatroi importanti che ci daranno tanto. Con loro sarà tutto più semplice. Ora non avremo più tempo per preparare le partite, i ragazzi dovranno essere bravi ad allenarsi in tempo sempre minore. Ce la metteremo tutta per questi tifosi, cercheremo di restare nei piani alti della classifica. Leiva? Si è inserito nel migliore dei modi, chiamava per nome i compagni dopo soli 10 giorni, ha grande disponibilità, oggi ha giocato una partita esemplare. Anche gli altri nuovi, da Marusic allo stesso Caicedo si stanno inserendo bene».

Il tecnico Simone Inzaghi è poi passato anche dalle telecamere di Lazio Style Channel: «E’ stata una vittoria voluta e meritata. Montella? Ci siamo salutati, ovviamente io ero più felice perchè ho visto i miei ragazzi fare una grande prestazione. Aver vinto con Juventus e Milan non è un caso. Rischio rinvio? Grande spettacolo sugli spalti. Stamattina ero dispiaciuto alla notizia perchè sapevo che avremmo fatto bene. Vitesse? Andremo a incontrare una squadra organizzata che ha vinto ieri sera. Giovedì ci aspetterà una gara molto complicata. In Europa c’è tanta fisicità, ma dovremo prepararla bene».

Il mister laziale ha risposto come di consueto alle domande dei giornalisti presenti in conferenza stampa:

E’ stata una grande Lazio oggi…
«Sì, è stato un piacere vedere la squadra. Quando mi avevano detto che avrebbero rimandato la partita ero dispiaciuto, l’avevamo preparata bene. Eravamo organizzati, la testa e le gambe giuste. Ho sperato fino all’ultimo di scendere in campo, grazie al Coni che ci ha dato la disponibilità di farlo. E’ stato bello vivere una giornata così, come lo era stato con la Juve. Non dimentichiamoci che la Lazio ha battuto sia Juventus sia Milan con due partite magistrali. Hanno trovato una compagine che ha meritato di vincere, 23 ragazzi hanno lottato su ogni pallone, meritando di fare due gare strepitose».

Come l’abbiamo vinta?
«L’avevamo preparata con cura sia in difesa sia in attacco. Siamo stati bravi, solo nei primi 10’, eravamo un po’ contratti. La partita poi l’abbiamo condotta fino alla fine, togliendo le linee di passaggio al Milan. Mi sarebbe piaciuto il quinto gol di Lukaku, applauso ai ragazzi, si meritano i complimenti».

Su Wallace…
«Infortunio da valutare domani, speriamo non sia grave, sentiva un dolore al polpaccio. Per noi sarebbe una grave perdita».

Pensierino alla Champions?
«Vogliamo rimanere nelle parti alte della classifica. Ad inizio stagione non ci mettevano nemmeno tra le prime 10, c’era dispiacere visto quanto fatto lo scorso anno. Ora magari verrà menzionata tra le prime otto. Io sapevo che saremmo potuti rimanere in alto, anche se quest’anno sarà tutto più difficile visto che avremo meno tempo per preparare la gara. Dovremmo essere bravi ad allenarci giocando. Dovrò cambiare qualche uomo, senza subire infortuni sennò potremmo purtroppo andare in difficoltà».

Sul modulo…
«Radu ha avuto i crampi, Lulic l’ho cambiato perché era ammonito ma stava facendo bene. Parolo lo stavo sostituendo ma Radu ha avuto dei crampi. L’interpretazione è la cosa che conta, è normale che a volte devi variare e cambiare. Questo ad oggi è il modulo più adatto».

Articolo precedente
wallaceInfortunio Wallace, il dott. Rodia: «Ha riportato un trauma distrattivo»
Prossimo articolo
bonucciBonucci non ci sta e attacca Immobile: «Non si fa così…». Poi il difensore spiega…