Inzaghi: «Grande gara, mancano tre finali. Coppa Italia decisiva per il futuro? Penso che…»

inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Mister Simone Inzaghi ha analizzato la vittoria ottenuta dai suoi contro il Cagliari alla Sardegna Arena

A qualche minuto dal triplice fischio di Cagliari-Lazio, mister Simone Inzaghi ha analizzato la vittoria ai microfoni di Sky Sport«Le risposte che cercava? Penso di sì, i ragazzi hanno fatto una grande gara che avremmo dovuto chiudere nel primo tempo. Abbiamo manca la finalizzazione, un po’ per demerito nostro un po’ per poca fortuna. A fine primo tempo gli ho fatto i complimenti, è stato un piacere vederli giocare. Rammarico per quello che poteva essere e non è stato? Guardiamo la classifica, siamo a un punto da Roma e Milan, tutte abbiamo fatto un po’ meno, noi abbiamo pagato diversi infortuni, in qualche partita c’è mancato l’episodio per far girare il match. Siamo qui a giocarci cose importanti, io posso solo ringraziare i ragazzi, mi seguono sempre. Mancano ancora tre finali, la prima è quella che conta di più. Sarà una partita aperta, dovremo essere bravi a far girare gli episodi a nostro favore».

VALORE MORALE – «Ha detto bene Correa, siamo tanti, bisogna accettare le scelte. Sono più importanti quelli che entrano piuttosto che quelli che giocano dall’inizio. Se andiamo a guardare le nostre partite, abbiamo vinto quando i subentri sono andati nel migliore dei modi. Quando qualcuno si sente vittima di un’ingiustizia perché parte dalla panchina, è lì che inizia qualche problema. Ho la fortuna di giocare con ragazzi seri. Immobile o Caicedo? Anche Correa, partono tutti alla pari, cercherò di fare le scelte giuste. Chi dei tre rimarrà fuori mi dovrà dare una mano in corso. Seconde linee? Il mio obiettivo è quello di arrivare mercoledì mattina con tutti i giocatori a disposizione, penso di dover valutare la situazione di Milinkovic. Ieri ha fatto un allenamento ma le risposte non sono state buone. Badelj meritava questa chance, sta facendo molto bene, non dimentichiamo che è un giocatore importante e che è stato sempre abituato a giocare con una certa regolarità».

FUTURO«Coppa Italia fondamentale per il futuro? Penso che il giudizio è da dare nell’arco dei tre anni, di quello che si è costruito, della mentalità. Le partite a volte possono essere decise da episodi che non possiamo controllare, dobbiamo essere bravi a giocare nel migliore dei modi. Avremo anche i nostri tifosi».

Le parole del mister in conferenza stampa

«I ragazzi sono stati bravi, ottima partita, hanno giocato molto bene. Nel primo tempo dovevamo chiudere qualche gol in più, è questo l’unico rammarico. Nel finale poi abbiamo subito il gran gol di Pavoletti che è più merito suo che demerito nostro. Adesso siamo tutte lì, domani vedremo Roma, Milan e Torino. Il Cagliari è stato ottimo ma ha trovato un’ottima Lazio che ha giocato bene tra le linee, è stata corta e ha avuto grande qualità. Onore comunque al Cagliari, organizzato e con un bravo allenatore.
Ultimamente stiamo offrendo grandi prestazioni fuori casa, mentre in casa nostra soffriamo,ma è frutto del caso perhè non mi vengonoi mente motivi. Milinkovic? Ieri nella rifinitura le sensazioni non erano buone, adesso vedremo quando si aggregherà e lo valuteremo nei prossimi tre giorni».

Le parole del mister a Lazio Style Channel

«Atti scaramantici? Ho sempre fatto cose diverse, ma quel che più conta adesso è la vittoria di oggi, domani penserò alla partita di mercoledì. Ascolto musica? Con tutto il tempo che ho passato in ritiro ho sia il tempo di parlare al telefono che ascoltare la musica. Fare di più oggi? Di buono abbiamo fatto una gran partita giocata molto, molto bene e i tre punti. Adesso siamo tutte lì. La prestazione ci proietta a mercoledì. Sappiamo che ci mancano tre partite e cercheremo di fare nel migliore dei modi».