Connettiti con noi

News

Folorunsho: «A Inzaghi piacevo, ma purtroppo non ero pronto»

Pubblicato

su

In un’intervista concessa a Gazzetta Regionalel’ex primavera Michael Folorunsho racconta il suo rapporto con Inzaghi

Interpellato ai microfoni di Gazzetta Regionale, l’ex Primavera e ora in forze alla Reggina Michael Folorunsho parla della sua esperienza biancoceleste:

SU INZAGHI – «Con mister Simone Inzaghi ho avuto sin da subito un rapporto molto bello. Gli piacevo come giocatore e parlavamo spesso; mi diceva che avevo potenziale ma che lo sfruttavo male. Ci siamo continuati a sentire anche dopo la sua promozione in prima squadra, è stato davvero un allenatore importante, ha sempre creduto in me sin dai tempi della Primavera».

LA PRIMA SQUADRA – «Il momento più bello è stato senza alcun dubbio la trasferta di San Siro con la prima squadra. Ricordo che si fece male Biglia e convocarono me. Condividere lo spogliatoio con campioni del calibro di Klose e Felipe Anderson è stata un’emozione che non dimenticherò mai. (…) È sempre complicato fare subito il salto dal vivaio alla prima squadra, devi essere bravo ma anche fortunato, magari riesci a trovare spazio nella sfortuna di un altro giocatore che si infortuna. All’epoca non avevo ancora la testa da giocatore, quando arrivi a quei livelli devi farti trovare pronto e maturo, purtroppo non lo ero».