Connettiti con noi

Hanno Detto

Leiva: «Milinkovic come Ibra. E su Luis Alberto e Immobile…»

Pubblicato

su

Lucas Leiva ha rilasciato una lunga e interessante intervista, dove ha toccato tantissime tematiche. Queste le sue parole

Lucas Leiva ha rilasciato una lunga e interessante intervista, dove ha toccato tantissime tematiche. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di The Athletic.

INZAGHI – «Non sapevo molto di lui. Era solo la sua seconda stagione da tecnico della prima squadra. È stata una sorpresa molto positiva quando ho iniziato a lavorare con lui. È un grande allenatore. Per me è stato davvero importante. Penso sia stato l’allenatore con cui ho giocato più partite nella mia carriera. Gli ultimi quattro anni con lui sono stati probabilmente uno dei momenti migliori per me. Mi ha dato molta fiducia, abbiamo avuto successo insieme e abbiamo vinto dei trofei. Fa del gioco offensivo la sua caratteristica, ma pensa anche alla tattica e a non subire gol. Credo che farà una grande carriera».

KLOPP – «Prima di tutto, è una persona fantastica, un grande uomo, molto onesto. Ho imparato tanto nei due anni trascorsi con lui. Ho seguito molti dei consigli che mi ha dato. Appena arrivato sentivamo che le cose stavano cambiando e che sarebbero tornati i grandi momenti del Liverpool. Probabilmente il mio tempo al club stava volgendo al termine. Stavo giocando un po’ meno e quindi a volte ero frustrato. Ricordo di aver parlato con lui un giorno e mi disse: “Lucas, a volte non posso dire quello che vuoi sentire, sai’. Questa è la frase che ricordo, perché a volte è difficile ascoltare qualcosa che non vuoi, ma è meglio perché poi ti fa migliorare e rifletterci su. Quindi è qualcosa che porto con me fino ad oggi e, come ho detto, è stato fantastico lavorare con lui. Il nostro rapporto è ancora molto buono ed è questo che conta alla fine».

MILINKOVIC –«Lui è davvero l’Ibrahimovic dei centrocampisti. Quando sono arrivato per la prima volta non lo conoscevo. Ma oggi posso dire che ha tutto quello che deve avere un top player. È fisicamente molto forte. Nel gioco aereo è determinante, ma anche con la palla è fantastico. Può fare assist e segnare gol. Ha un ottimo tiro ed è un giocatore che migliora ogni anno. Ha tutte le qualità per giocare ai massimi livelli. Di sicuro, è uno dei migliori giocatori con cui ho giocato».

IMMOBILE – «Ciro è tra i 10 migliori attaccanti al mondo. Forse la gente non parla molto di lui, ma qui in Italia è probabilmente considerato il miglior attaccante del campionato. Lui è un finisher naturale. È così che lo descrivo. È molto raro che manchi il bersaglio, molto raro che il portiere pari. I suoi numeri parlano da soli. È il nostro capitano e un giocatore molto importante per il club».

LUIS ALBERTO – «Era molto giovane quando è arrivato a Liverpool. Probabilmente non ha avuto la fortuna che ho avuto io con un tecnico paziente. La qualità ce l’ha sempre avuta ed è uno dei migliori centrocampisti del campionato. Nella trequarti avversaria è incredibile».