Connettiti con noi

Hanno Detto

Del Nero: «Sarri farà sicuramente bene. Se Dabo non avesse segnato il rigore…»

Pubblicato

su

Simone Del Nero parla della Lazio di Sarri ai microfoni di Supernews: queste le dichiarazioni dell’ex biancoceleste

In una lunga intervista rilasciata ai microfoni di SuperNews, l’ex centrocampista biancoceleste Simone Del Nero, oggi allenatore degli esordienti del Viareggio, ha ripercorso le tappe più significative della sua carriera e analizzato l’attuale scenario della Serie A, esprimendosi anche sul percorso della Lazio di Sarri e sugli obiettivi stagionali raggiungibili dal club bianceleste.

Simone, con la Lazio, nella stagione 2008-2009, vinci la Coppa Italia contro la Sampdoria di Mazzarri, subentrando a Pasquale Foggia al minuto 80. Che ricordi hai di quella finale? Che emozione hai provato?

Una finale mai disputata prima, con 80.000 spettatori, non poteva che essere molto emozionante. Se Dabo non avesse segnato il rigore decisivo sarebbe toccato a me. Non posso descriverti la mia agitazione in quel momento, speravo che quella palla andasse in rete perché altrimenti non sapevo come sarebbe andata a finire. Fortunatamente è andata bene ed è stato davvero emozionante giocare la mia prima finale con un club davanti al pubblico di casa.

La Lazio si trova attualmente a quota 46 punti ed è in corsa per il quarto posto. La squadra di Sarri ha concrete possibilità di prendersi un posto in Europa o ci sono squadre più attrezzate rispetto al club biancoceleste?

Non conosco Sarri di persona, ma dall’esperienza che ha avuto con le altre squadre farà sicuramente bene anche con la Lazio. Molti sono convinti che ci voglia un po’ di tempo, perché non è facilissimo entrare nei meccanismi del mister, ma con il Napoli e la Juventus ha fatto grandi cose, quindi credo che anche con i biancocelesti possa portare a casa un buon risultato, magari proprio il quarto posto. Non sarà facile, ma credo che la Lazio si giochi la zona Champions con Roma e Atalanta. Dietro c’è anche la Fiorentina, allenata da Italiano, che reputo un grande tecnico, ma non credo che la Viola possa dare grande fastidio ai biancocelesti ai fini del quarto posto.