Connettiti con noi

Hanno Detto

Canigiani: «Riapertura stadi? Siamo al lavoro. Sull’impianto di proprietà…»

Marco Bongianni

Pubblicato

su

Christina Bale Lazio

Marco Canigiani, direttore del marketing della Lazio, ha parlato ai microfoni di Radiosei della possibile riapertura degli stadi

Torna a parlare anche Marco Canigiani, responsabile del marketing della Lazio. Intervenuto ai microfoni di Radiosei, nella trasmissione Quelli che hanno portato il calcio a Roma condotta da Guido De Angelis, si è concentrato soprattutto sulla questione della riapertura degli stadi. Ecco le sue dichiarazioni.

SUI RICAVI – «L’incasso è un dato semplice da calcolare: per noi come anno di Champions League si sono persi incassi molto importanti. Le relazioni con gli sponsor, anche se continuano, ne risentono, perché lo stadio è un luogo particolare per creare nuove partnership. Abbiamo continuato tanti progetti e tante iniziative, però il Covid ha impattato negativamente sul nostro lavoro».

SULLA RIAPERTURA DEGLI STADI PER L’EUROPEO – «A questo ci auspichiamo che questo porti ad un miglioramento. Ieri c’è stata una riunione col club su questo argomento, ma che era già prevista a prescindere. Infatti, si fanno riunioni continue tra le squadre per aggiornarsi su quello che si fa, come l’iniziativa dell’Udinese del cip che calcola il distanziamento. Se gli Europei avranno il pubblico la speranza è che da settembre si possa riaprire anche qui».

SULLE MODALITA’ DI RIENTRO – «Noi ci stiamo pensando, ma dipende dalle percentuali di abbonamenti e di distribuzione dello stadio, per valutare tutte le dinamiche. I posti, però, ai numeri di oggi non sarebbero sufficienti per tutti, quindi bisognerà pensare a qualche sistema, come delle turnazioni. Bisognerà, però, andare con l’abbonamento. Dovremo essere sempre più flessibili. Ci saranno anche delle indicazioni dalle autorità preposte».

SULLE LINEE GUIDA PER IL RIENTRO – «Esiste un’interlocuzione politica tra Lega, Federazione e Governo che darà delle indicazioni sulle modalità per tornare allo stadio. Aspettiamo che ci vengano date delle linee guida a cui tutti noi ci dovremo attenere».

SULLA MACRON – «Anche l’anno prossimo avremo la Macron come sponsor. In questo momento, però, stiamo valutando un po’ tutto e stiamo ricevendo offerte anche da altre realtà».

SULLO STADIO DI PROPRIETA’ – «Il nostro problema con l’Olimpico per le coreografie è che lo stadio non è il nostro, quindi dobbiamo montare e smontare ogni volta. Lo stadio di proprietà sarebbe molto più vantaggioso, perché ti permette di fare molte più cose».

Advertisement