Bollini: “Saranno fondamentali gli scontri diretti”

© foto www.imagephotoagency.it

Alberto Bollini è intervenuto a Lazio Style Radio per commentare la vittoria in trasferta dei suoi aquilotti sul difficile sintetico di Crotone: “A Crotone è stata una partita complicata. Lo sapevamo sin dal principio, loro sono abituati a giocare su questo tipo di campo in condizioni di forte vento. Volevamo giocare un calcio semplice, ma non è stato sempre possibile. Siamo stati determinati. Dopo aver subito il pareggio non ci siamo disuniti, e con Lombardi, abbiamo guadagnato il rigore, siamo riusciti a chiudere su corner e poi abbiamo difeso il risultato, ripartendo sulle corsie esterne. La cosa importante è stata vincere su un campo dove negli utlimi due anni non eravamo riusciti a far risultato”.

Poi Bollini commenta l’episodio di nervosismo che ha visto protagonista Cataldi: “Purtroppo su un calcio di punizione a favore abbiamo avuto un ammonizione e un’ espulsione. Non tollero atteggiamenti del genere e oggi parlerò con i calciatori”.

Il grande equilibrio del girone C vede tre squadre in testa (Lazio, Catania e Palermo ndr) e due pronte ad approfittare di ogni errore per risalire la china (Napoli e Roma ndr). A tal proposito Bollini commenta: “Tutto può ancora succedere, c’è grande equilibrio. Anche la Roma, che dista 4 punti,  può rientrare in corsa per i primi due posti. Noi faremo il nostro, giocandocela fino alla fine. Adesso dipende da noi, dobbiamo preparare al meglio la partita contro l’Ascoli, vendicare la sconfitta delll’andata. Dobbiamo continuare sulla scia degli ultimi risultati. Se riusciamo ad arrivare tra le prime due sarà già come vincere uno scudetto considerando la difficoltà del girone. Mancano ancora 5 partite, e avranno grande importanza gli scontri diretti- Noi avremo il derby con la Roma e molto dipenderà da partite come questa“.

Articolo precedente
Klose passato da carpentiere: “Non sono diventato un campione come nel calcio”
Prossimo articolo
Formello – Faccia a faccia tra tecnico e calciatori