Biglia e Tounkara cuore d’oro: accolti a Formello dagli abbracci – FOTO

© foto www.imagephotoagency.it

Baci e abbracci in quel di Formello: Tounkara e Biglia si lasciano coccolare dalle piccole tifose biancocelesti

L’umiltà è una virtù che non si compra in nessun posto e non si guadagna col tempo, rifuggia l’uomo da ogni forma d’orgoglio e superbia. Dal momento della sua fondazione, 9 gennaio 1900, la Società Sportiva Lazio pone alla base dei principi etici e morali che devono appartenere anche a coloro che ne fanno parte. Ad oltre cent’anni di distanza da quella data, il club continua a mantenere questi valori e le continue iniziative organizzate (l’asta di beneficenza per i pazienti dell’ospedale Santa Lucia o le visite ai bambini delle scuole romane) sono un piccolo esempio. Spesso ai cancelli di Formello i calciatori vengono accolti da tanti tifosi, desiderosi di scattare una foto o di avere l’autografo dei propri beniamini. Molte ragazzine stravedono per lo spagnolo Mamadou Tounkara, sempre disponibile a regalare affetto alle piccole tifose biancocelesti. Lo stesso si può dire però anche per Lucas Biglia: il «Principito» non rifiuta mai un abbraccio delle aquilotte che si recano al centro sportivo. «Mia moglie mi ammazza», avrebbe ironicamente detto il centrocampista argentino. Ma si sa, un sorriso non si nega a nessuno.

Articolo precedente
All’asta le maglie dei giocatori biancocelesti per la Fondazione Santa Lucia
Prossimo articolo
curva sudRoma, Curva sud esaurita e maglia speciale per il derby. Mentre Totti…