Anderson, riunione a Formello: si valuta il ritorno in Brasile, ma Lotito dice no

Anderson
© foto www.imagephotoagency.it

Ieri sarebbe andata in scena una riunione a Formello tra la Lazio e l’entourage di Anderson: valutato il ritorno in Brasile, ma Lotito rifiuta

Come riporta l’edizione odierna de Il Messaggero, ieri a Formello sarebbe andata in scena una nuova riunione a cui avrebbe partecipato lo stesso presidente Lotito e l’entourage di Anderson. Nel colloquio si sarebbe valutata la possibilità di tornare in Brasile per quattro mesi con la formula del prestito immediato. Dove potrebbe ritrovare la squadra che l’ha lanciato e che detiene il 25% sulla futura vendita del cartellino del giocatore, il Santos. Anche la Cina potrebbe essere una possibilità, vista la presenza di diversi club che stimerebbero l’esterno. Lotito, però, avrebbe detto ‘no’ a qualsiasi cessione immediata: nel corso della prossima sessione di mercato verrà presa una decisione, evitando un’ulteriore svalutazione del suo valore (la richiesta non sarebbe inferiore a 40 milioni).

CONFRONTO CON LOTITO – Il brasiliano avrebbe avuto un confronto privato con lo stesso presidente, che nonostante abbia ascoltato la sua verità, rimarrebbe dalla parte dell’allenatore. Ci sarà ancora chiusura del club nei suoi confronti fin quando mostrerà di aver cambiato atteggiamento. Le precedenti cessioni insegnano: per la Lazio è più importante il gruppo che i campioni.

NANI – Contro il Napoli non ci sarà posto per Anderson – che verrà multato per non aver risposto alla convocazione per il pranzo di squadra di mercoledì ed aver contestato le scelte del tecnico – ma anche per Nani. Il portoghese, se vorrà giocare, dovrà rispettare silenzionamete le scelte dell’allenatore. Il concetto è stato ricordato da Lotito nel colloquio: se si vuole puntare ad un piazzamento in Champions non c’è spazio per egoismi e dissapori.

 

Articolo precedente
lotito inzaghiLotito sarà a Napoli: a tre anni dall’ultima volta, il patron torna in trasferta
Prossimo articolo
inzaghi lazio esultanzaLazio, al San Paolo servirà l’impresa: Inzaghi chiamato a sfatare l’ennesimo tabù