Adesivi antisemiti, la Lazio rischia una gara a porte chiuse: ecco quando

Curva nord lazio roma derby Olimpico
© foto Lazio News 24

La Procura della Federcalcio ha chiesto un turno a porte chiuse per la Lazio in merito ai fatti riguardati gli adesivi antisemiti: ecco in quale match i biancocelesti rischiano lo stop

Qualche giorno ancora, poi ci sarà il responso. C’è grande attesa in casa Lazio per la sentenza sul caso degli adesivi antisemiti attaccati in Curva Sud in occasione della gara col Cagliari. Secondo Il Messaggero la Procura della Federcalcio chiederà un turno a porte chiuse. Lunedì è prevista l’uscita del dispositivo che proviene dal primo grado di giudizio. La pena è immediatamente esecutiva e, dunque, la Lazio giocherebbe la sfida contro il Chievo Verona senza pubblico non essendoci i margini per l’appello. Dopo la sentenza del procuratore Giuseppe Pecoraro, la società capitolina chiederà la sospensione del dispositivo e farà subito richiesta per il ricorso.

LE PREVISIONI – Con il ricorso, la sanzione sarà congelata in attesa di una nuova data e della decisione del secondo grado. Ecco così che Lazio-Chievo si giocherà a porte aperte, così come il recupero con l’Udinese del 24 gennaio. Nel caso in cui il provvedimento fosse confermato, la giornata sarà scontata per Lazio-Genoa di lunedì 5 febbraio. Una nuova telenovela che accompagnerà i tifosi per i prossimi giorni.

Articolo precedente
Calciomercato, si candida Hetemaj: «Lazio, sei la mia squadra del cuore». E Tare…
Prossimo articolo
tare calciomercato lazioTare a 360°: «Milinkovic l’acquisto migliore. Che rimpianto Cavani!». E su de Vrij…