Petkovic: “Complimenti ai miei ragazzi. Fenerbahce? Crediamo alla rimonta”

© foto www.imagephotoagency.it

Roma e Lazio hanno pareggiato per uno a uno, al gol di Hernanes ha risposto Totti su rigore proprio dopo che il Profeta aveva mandato un penalty a lato. Nel dopo gara è intervenuto ai microfoni di Sky Sport il tecnico biancoceleste Vladimir Petkovic: Il rigore sbagliato ci ha penalizzato, dovevamo riuscire a sgonfiare il gioco ma non siamo stati bravi nel farlo. Nel primo tempo stavamo bene in campo, abbiamo dominato la gara e sapevamo che la Roma si muove molto bene sui calci piazzati. Fino al novantesimo ci abbiamo provato ma purtroppo è finita uno a uno, però io lo vedo come bicchiere mezzo pieno. Finché ci sono le possibilità di far bene noi ci crediamo. Abbiamo alzato il morale alla Roma, anche se non hanno creato moltissimo, però gli abbiamo dato una chance dopo aver fallito il penalty. Siamo stati bravi negli anticipi e a lavorare come collettivo, complimenti ai miei ragazzi, adesso pensiamo a giovedì. L’uscita di Ledesma? Credevo di poter fare qualcosa di più in avanti con Hernanes e Onazi. Klose? Si vedeva che non giocava da due mesi. Fenerbahce? Noi crediamo nella rimonta e fino al novantesimo ci crederò, ho solo problemi numerici coi giocatori.”

A Mediaset Premium invece ha rivelato: “La Champions? Si allontana ma non dipende da noi. Dovevamo chiudere prima la gara, quando si sbaglia un rigore si subisce anche moralmente, in qualche minuto abbiamo avuto qualche dubbio, la Roma ha tentato di approfittare senza avere tante occasioni. Espulsione? Abbiamo visto anche oggi, ci siamo abituati e iniziamo  a prendere le misure giocando in 10, ma spero non succederà più. E’ faticoso lottare su 3 fronti ma soprattutto è brutto dover fare a meno di molti giocatori sia giovedì che lunedì prossimoMazzoleni? Sicuramente è stato meglio di Collum”.

Condividi
Articolo precedente
LE PAGELLE di Roma – Lazio: Marchetti vola, Candreva da applausi, Hernanes a due volti
Prossimo articolo
Roma, Destro: “Era importante vincere, peccato non esserci riusciti”