Connettiti con noi

News

Ultime Notizie Serie A: Assemblea di Lega senza Inter, Milan e Juve

Pubblicato

su

Tutte le ultime notizie più importanti del giorno in Serie A e nel mondo, aggiornate ora dopo ora dalla Redazione di Calcio News 24


Ore 14.00 – «Questa mattina Federico Chiesa è stato sottoposto presso il J Medical ad accertamenti diagnostici che hanno escluso lesioni muscolari ed evidenziato una elongazione a carico dei muscoli ischio-crurali della coscia sinistra, verrà rivalutato nei prossimi giorni»

Ore 13.00 – Oggi pomeriggio, alle 17:30, 17 club di Serie A si incontreranno per una riunione interna straordinaria dopo l’annuncio arrivato nella notte della nascita della Superlega. E lo faranno senza tre club italianiJuveInter e Milan, gli unici tre club italiani che hanno aderito alla nuova competizione, infatti, proprio per questo motivo non parteciperanno all’incontro che si svolgerà oggi pomeriggio alle 17:30.

Ore 11.23 – Ronaldo titolare contro il Parma – Cristiano Ronaldo dovrebbe, con ogni probabilità, tornare in campo contro il Parma: il portoghese, non convocato per la gara contro l’Atalanta per un fastidio ai flessori, è rimasto ai box più per precauzione che per un reale infortunio. Tante gare negli ultimi mesi e lo sforzo extra in nazionale. Come riporta TuttosportCristiano Ronaldo dovrebbe essere in campo contro il Parma di D’Aversa per riprendere la marcia verso la Champions League.

Ore 10.33 – Carnevali contro la Superlega – Arrivano i primi commenti da parte dei club di Serie A sulla neonata Superlega. Giovanni Carnevali, Direttore Generale del Sassuolo, ne ha parlato Rai Radio Uno«Superlega? Sono pensieri questi che a noi non piacciono, rischiano di uccidere il nostro campionato. Si prospettano cose non piacevoli e probabilmente siamo stati presi in giro. Oggi abbiamo riunione in Lega, speriamo che i diretti interessati ci facciano capire bene cosa si intende per Superlega.Le più grandi hanno più perdite e il sistema va rivisto. Ma nello sport ci deve essere meritocrazia,a volte essere troppo avidi è una brutta storia»