Connettiti con noi

Campionato

Sarri: «Zaccagni non ha simulato. Champions? Se qualcuno sviene…»

Pubblicato

su

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Venezia: queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio

Maurizio Sarri ha parlato nel post partita di Lazio-Venezia. Queste le dichiarazioni del tecnico della Lazio.

MATCH – «Partite difficili quando affronti le squadre che lottano per la salvezza. Siamo stati bravi a farli ripartire poco, siamo stati pazienti. Non siamo stati bravi dopo l’1-0, visto che si poteva chiudere la partita e non facendolo corri rischi fino all’ultimo. Vista la difficoltà della partita la squadra ha fatto bene».

DIFESA – «Tatticamente siamo più ordinati e questo ci facilita la fase difensiva. Abbiamo preso un po’ di solidità ora, fino a tre mesi questa partita sarebbe stata a rischio».

SODDISFATTO PIU DEL RISULTATO O PRESTAZIONE – «Sono dell’idea che se se giochiamo bene c’è più possibilità di vincere. Sono contento del risultato ma non tanto della prestazione, mi spiace sia finita 1-0 visto che c’erano margini per farla finire più ampiamente».

ZACCAGNI – «Ho rivisto le immagini, il contatto c”è. Non tutti i contatti sono rigori, però simulazione mi è sembrato troppo. Era un contatto ginocchio-coscia di Zaccagni, non era rigore ma non era simulazione».

DERBY – «La Roma è forte, a gennaio si è rafforzata ulteriormente. È un avversario di altissimo livello ma il derby è una partita a parte».

SETTIMANA LIBERA – «Non siamo stati capaci di giocare 3 partite a settimana e lo dimostrano i numeri. È un limite nostro, giocare il giovedì non è come giocare il martedì o mercoledì. Le squadre che hanno giocato giovedì non hanno vinto, giocare domenica dopo neanche 72 ore è un’esagerazione ma questo è il calcio».

CHAMPIONS – «In questo momento non ci deve interessare, è troppo lontano per essere credibile come obiettivo. Lasciamo perdere questo discorso per ora poi se qualcuno sviene vediamo».

Sarri a DAZN

MIGLIORAMENTI – «Io sto cercando di creare una squadra che giochi secondo le mie idee ma rispettando anche le loro caratteristiche. I calciatori si sono abituati e ora intervengono anche nelle discussioni tattiche e sono contento».

ZACCAGNI – «Mi dispiace perdere Zaccagni per una simulazione che non c’è, l’arbitro è stato precipitoso. In qualche modo faremo».

MIGLIORAMENTI – «In questo momento purtroppo abbiamo la settimana a disposizione e lavoriamo molto sui particolari. Negli ultimi tre mesi la squadra riesce a stare più corta, riesce a limitare meglio le ripartenze avversarie, Lavorare sui dettagli ci ha aiutato».

DIFFFERENZE CON LE PRIME QUATTRO – «I numeri ci dicono che negli ultimi tre mesi non ci manca niente per stare nelle prime 4. Poi è chiaro che la classifica riflette tutta la stagione e noi abbiamo avuto alti e bassi pesanti soprattutto dopo l’Europa League dove abbiamo 0.60 di media mentre senza è 2.10. Dobbiamo migliorare questa capacità di ricaricare in poche ore, è un aspetto che ci manca».

DERBY – «Io penso che chi arriva sereno e tranquillo è un folle. C’è un’atmosfera diversa, anche la Roma è in un ottimo momento e poi i derby fanno storia a se. Arriviamoci con tensione lucida».

Sarri a Lazio Style Radio

PARTITA – «Era una partita molto difficile. Siamo stati bravi ad avere pazienza e a non concedere ripartenze. Mi dispiace non averla chiusa con un altro risultato. E mi dispiace anche per l’annullamento, per questione di centimetri del gol di Immobile. Sarebbe stato il gol più bello della stagione».

ZACCAGNI –  «Quando è stato ammonito per simulazione c’è stato un contatto con un ginocchio dell’avversario. Non era per nulla simulazione, anzi per me poteva essere quasi rigore».

CRESCITA – «Stiamo trovando qualche certezza in più e questo ci porta ad avere una gestione diversa della partita. Abbiamo acquisito maggiore sicurezza. Ora dobbiamo comunque pensare partita dopo partita.  Vogliamo centrare l’Europa, ma può ancora succedere di tutto».

WILSON – «Il ricordo di Wilson è stato commovente. Durante il minuto di raccoglimento a me è venuto in mente quello che ha fatto per questa società».

Sarri in conferenza stampa

«“a crescita della squadra c’è, il livello è ancora da valutare. Stiamo dando più protezione alla linea difensiva, che è migliorata collettivamente. Questo per noi è determinante perché tre mesi fa questa sera avremmo rischiato di più, soprattutto contro squadre in lotta per la retrocessione. Derby? In questa settimana il livello di tensione sarà elevato, l’importante però che rimanga la lucidità, senza avere troppa pressione. Secondo me entrambe le tifoserie danno troppa importanza a questa partita. Capisco tutto, ma la priorità rimane far bene una stagione, non una singola partita. Ovviamente faremo di tutto però per vincerlo. Lazzari?  Sta bene, ma in settimana potrà crescere ancora».