Repubblica Ceca, Kozak promette: “Darò il mio meglio per la Nazionale”

© foto www.imagephotoagency.it

“In allenamento il mister mi ha dato una possibilità. Se avrò un’opportunità cercherò di sfruttarla”. E’ sempre più determinato l’attaccante della Lazio, Libor Kozak, in vista della partita di questa sera tra la sua Repubblica Ceca e la Danimarca. “Sicuramente la tripletta contro lo Stoccarda è stato un segnale importante per il ct Libek – ha proseguito la punta biancoceleste al portale ceco isport.cz – ma non mi aspettavo che mi convocasse per questa partita. Dopo il match contro i tedeschi mi sono divertito molto e la chiamata del ct è stato un piacere ancora più grande. Cosa gli ho risposto io? Gli ho promesso che cercherò di ripetere una prestazione simile anche con la maglia della Nazionale”.

Il confronto di questa sera sarà molto importante per la Repubblica Ceca, alla ricerca di un pass per i prossimi mondiali di Brasile 2014. Come per Kozak, alla ricerca di un posto fisso in Nazionale. “Abbiamo avuto un giorno di riposo a disposizione così mi sono preso del tempo per uscire e rilassarmi. Adesso sono molto contento di come siano andate le cose. Stasera sarà una partita molto divertente. Giochiamo in Moravia: i tifosi sono molto caldi, sono sicuro che stasera si godranno lo spettacolo.” Tifosi che lo stesso Kozak porterà al suo seguito: “Quanti miei fans arriveranno? Abbastanza, ho dovuto comprare poche decine di biglietti – scherza l’attaccante biancoceleste – Stasera sarò l’unico proveniente dalla Slesia perciò spero che la gente delle mie parti venga allo stadio.

E l’attesa emotiva per il match valido per la qualificazioni ai mondiali cresce sempre di più. “Sto sentendo molto questa partita. Sicuramente tutti vorranno prendere parte alla partita. Io mi sento in forma: darò tutto, anche se dovessi avere un solo minuto a disposizione. Ora sono arrivato alla mia terza presenza in Nazionale A: spero che la mia carriera con questa maglia possa durare il più possibile. Giocare per il proprio paese è il sogno di ogni calciatore: farò di tutto per questa maglia”.

Articolo precedente
Catania, nel mirino un argentino seguito dalla Lazio
Prossimo articolo
Cana carica la sua Albania: “Non siamo inferiori alla Norvegia”