Rennes, Stèphan: «Lazio favorita, ma noi abbiamo grandi ambizioni». Niang: «Inzaghi molto bravo»

© foto www.imagephotoagency.it

Alla vigilia del match con la Lazio hanno parlato in conferenza stampa Julien Stéphan, tecnico del Rennes, e Niang

Queste le parole di Stèphan: «Per Inzaghi è una finale? Non siamo sorpresi, è vero che la Lazio è la favorita. Avendo perso in Romania, domani ha l’obbligo di vincere. Siamo outsider, ma abbiamo ambizioni. Loro hanno il problema del turnover, ma anche noi. La Lazio gioca insieme da tanto tempo, sono una squadra forte».

Sarà una test importante contro una grande squadra?

Un test importante domani, ma ne abbiamo già avuti. Giochiamo contro una squadra forte che sembrava essere la favorita, ma che è già costretta a vincere.

L’Olimpico è un  grande stadio, ma domani ci saranno poche persone.

I nostri giocatori sono abituati. La partita comunque sarà prestigiosa e richiede il massimo impegno.

Potendo scegliere chi toglierebbe tra Milinkovic e Luis Alberto alla Lazio?

Sarebbe perfetto se entrambi potessero stare entrambi in panchina (ride, ndr). In ogni caso la Lazio ha una grande rosa, ma noi preferiamo concentrarci solo su di noi.

Quali sono i punti di forza della Lazio?

Dobbiamo mettere intensità e rimanere compatti. A livello individuale hanno grandi giocatori, vedremo poi la foirmazione che schiereranno. Ripeto, è importante concentrarci su di noi.

Dopo sei partite senza vittorie, crede che la squadra abbia un blocco mentale?

Non credo, immagino che se fosse arrivata una vittoria non ci sarebbe stata questa domanda. Non vinciamo, ma neanche perdiamo da molto tempo. Dobbiamo essere più efficaci davanti alla porta. Ci manca anche la fortuna che in queste situazioni è necessaria.

Ci può dire qualcosa su Inzaghi?

Sta dal 2016 sulla panchina della Lazio e ha creato una squadra organizzata, che riesce a giocare bene a calcio. Lo scorso anno ha vinto la Coppa Italia e questo è molto importante.

A Marsiglia ha giocato a 5, manterrà il modulo visto il momento di poca fiducia?

Non manca la fiducia, però so che non c’è un modulo magico. Questo al momento ci riesce meglio. Poi ovviamente abbiamo tante partite e cerchiamo di trovare un po’ di continuità, non bisogna concentrarci troppo sul modulo.

Firmerebbe per un pareggio?

Ovviamente non si prepara una partita pensando di non vincerla. Domani vedremo come andrà, ma oggi non firmo per il pareggio.

Poi prende la parola Niang

Cosa ti aspetti dalla Lazio visto che hai già giocato in Italia?

La Lazio rispetta gli avversari, ma noi dobbiamo mostrare le nostre qualità. Preferirei giocare in uno stadio pieno come ha detto il mister, ma in ogni caso dobbiamo disputare una grande partita.

Un pensiero su Inzaghi…

Ho avuto la fortuna di conoscerlo. Sono 4 anni che è in Italia, è un bravo allenatore con qualità.

Che ricordo ha della Lazio e della Serie A?

Con la Lazio ho bei ricordi e bei precedenti, spero che la fortuna continuerà anche domani.

Sei tornato in Italia da leader, vuoi dimostrare qualcosa agli italiani?

Sono qua per aiutare la squadra e lavorare collettivamente. L’obiettivo è centrare un risultato positivo.

Che rapporto hai avuto al Milan con Acerbi e che giocatore ti aspetti domani in campo?

Ho avuto la fortuna di conoscerlo al Milan. Con Acerbi ho dei bei ricordi, ricordo mi dava degli ottimi consigli. Domani ritroverò un difensore molto forte, che gioca anche in Nazionale. Spero non sia troppo in forma e questa cosa ci aiuti a vincere il match