Connettiti con noi

Hanno Detto

Pollace: «Inzaghi è lo stesso della mia Primavera, un motivatore»

Pubblicato

su

Gianluca Pollace – ex difensore della Lazio Primavera – ha ripercorso le tappe della sua carriera in biancoceleste: ecco le sue parole

Gianluca Pollace è stato uno dei protagonisti della Lazio Primavera targata Inzaghi. Il giovane difensore, intercettato dai microfoni di Lazio Style Radio, ha raccontato la sua nuova esperienza all’Aprilia, per poi ripercorrere il suo passato in biancoceleste.

RICORDI BIANCOCELESTI – «Ho dei ricordi bellissimi in Primavera, ho vinto tanto e vissuto momenti che forsi non rivivrò mai in carriera. Inzaghi lo avevo avuto anche negli Allievi. Insieme abbiamo fatto delle cose veramente belle. Se mi richiamassero un pensierino ce lo farei. Seguo il gruppo di Menichini, ho visto il derby, anche se i nostri erano una cosa diversa (ride, ndr). Recentemente sono tornato per ricordare Mirko Fersini e ho fatto l’in bocca al lupo per la finale di Coppa Italia».

INZAGHI – «Il mister è sempre uguale e questa è la sua forza. Trasmette grande energia a chi sta in campo, se sei stanco lui ti carica. Avere uno come lui vuol dire tanto. Quando non c’è lo percepisci, ti stimola e ti fa vincere le partite. Normale che anche Farris lo rivoglia in panchina. Un aneddoto? Giocavamo contro il Francoforte e perdevamo 5-0, ha fatto volare tutto negli spogliatoi. Tanti mi hanno chiesto di lui, del suo metodo e io ogni volta sottolineo la sua forza nell’amalgamare il gruppo».

LOTTA CHAMPIONS –  «Per me la Lazio può ancora lottare per la zona Champions. Deve fare un percorso difficile perché servono solo le vittorie, ma le carte in regola ci sono».

GIOVANI ESORDIENTI – «L’unico rimpianto che ho è il fatto di non aver esordito in prima squadra, ora sarebbe stato più semplice. È sempre bello vedere i giovani esordire, in Italia ce ne sono molti e anche forti, andrebbero valorizzati molto di più».