Mendieta ricorda la stagione alla Lazio: «Esperienza importante, ma la situazione era instabile»

© foto Youtube

Gaizka Mendieta ricorda la stagione 2002-2003, passata all’ombra del Colosseo con la maglia della Lazio

La vicenda che lega Mendieta alla Lazio è ricordata da tutti i tifosi biancocelesti. Venne acquistato dalla dirigenza capitolina per 48 miliardi di euro per sodtituire Pavel Nedved. Quella stagione collezionò 20 presenze senza bucare la porta avversaria neanche una volta. L’ex centrocampista ed attuale dj ha partecipato allo ‘Star Sixes’, torneo di calcio a sei sponsorizzato da Starcasinò al quale hanno partecipato solo i giocatori che hanno avuto un ruolo importante nel calcio nella generazione precedente. In un’intervista rilasciata a metronews.com, lo spagnolo ha ricordato l’esperienza vissuta all’ombra del Colosseo: «È un periodo che ricordo con affetto, perchè è stata un’esperienza importante. Sfortuntamente le cose non sono andate come io speravo, perchè il calcio italiano si è rivelato più complicato di quanto io pensassi. È un gioco più diretto, più fisico e tattico rispetto a molti sltti, in cui il pallone ha meno importanza rispetto a quanta ne ha in Spagna. Da noi vince la tattica. Ma nella mia vicenda, che non considero positiva, voglio specificare che incisero anche altri fattori, non solo di livello sportivo . Ci fu un campo di allenatore, di presidente, la situazione era abbastanza instabile e questo non mi ha aiutato. A livello umano invece mi sono trovato benissimo. Conservo molti amici a Roma».