Connettiti con noi

Campionato

Martusciello: «Ottima la reazione. Paghiamo errori individuali»

Pubblicato

su

Al termine di Torino-Lazio, Martusciello – vice di Sarri – è intervenuto per commentare il risultato del match

Martusciello è intervenuto per commentare il risultato del match tra Torino e Lazio. Queste le sue parole ai microfoni di Sky.

REAZIONE – «C’è stata una grande reazione e un grande impegno. Abbiamo raggiunto il pari con grande spirito. C’è ancora tanto da lavorare, ma questo risultato ci dà la spinta giusta».

RISULTATI «Immobile vorrebbe vincerle tutte, ma in questo momento non si dovrebbero guardare troppi i risultati. I ragazzi stanno lavorando bene, ma serve tempo. La strada intrapresa è comunque quella giusta, anche perché i ragazzi sono molto disponibili».

AVVERSARI – «Con squadre come il Torino è difficile fare le proprie trame di gioco. Poi anche giocare ogni tre giorni è difficile. Difesa? Paghiamo a caro prezzo errori individuali, ma nel calcio capita. Dobbiamo comunque vedere il bicchiere mezzo pieno».

TEMPO E MODULO – «In due mesi non si può stravolgere ciò che si faceva in cinque anni. I ragazzi sono ancora nella fase del pensiero e questo diventa un problema nei tempi di gioco. L’applicazione c’è e in settimana si vedono grandi miglioramenti. Cambio modulo? Giocando ogni tre giorni è difficile pensare a una cosa del genere. Quando ci saranno delle settimane tipo ci si potrà pensare».

Le parole di Martusciello a Lazio Style Radio

PASSI IN AVANTI – «Avevamo preparato la partita con queste difficoltà. Loro giocavano in casa, sono veementi, hanno voglia di fare. La squadra ha risposto in solidità, il Torino ha fatto di più ma noi abbiamo dato una risposta all’altezza. Questi passaggi ci servono a crescere. Il mister ha chiesto ai subentrati di mettere benzina in più, così è stato, soprattutto in attacco perchè ci hanno permesso di uscire dal campo con un punto».

CATALDI – «Danilo ha fatto un partita buona come gli altri, ma era la prima titolare con un avversario che ti gioca addosso, sporca la partita, la seconda palla e ti fa correre all’indietro – quello che noi odiamo. Nel secondo tempo, loro hanno rallentato e noi abbiamo costruito, è arrivato il gol ma ci teniamo la reazione».

TATTICA – «Si è lavorato bene sulle discese, soprattutto su Savic con rimesse lunghissime. Bravi anche i centrocampisti ad accorciare dietro, ma lo abbiamo fatto e a tratti bene. Ci prendiamo il punticino che dà continuità ai risultati e fa morale».

AGGRESSIVITÀ GRANATA – «Il Torino è allenato, si è giocato spesso contro le squadre di Juric, oggi le palle lunghe ci spaccavano, noi abbiamo fatto un palleggio pericoloso sull’area di rigore che era rischioso. Qualche palla si può perdere. Noi abbiamo altre idee di calcio, ma da queste esperienze negative dobbiamo venirne a capo. La squadra ha creato i presupposti per il pari».

ESTERNI – «Quando il Torino veniva addosso, serviva che gli esterni stessero più vicini ad Immobile. Così non è stato, ma poi abbiamo fatto meglio in questo senso. Pedro ha esperienza da vendere, Raul Moro è agli inizi. Sono tutti piccoli passi per far crescere lui e per crescere noi».

Le parole di Martusciello a Dazn

SULLA PARTITA – «Abbiamo fatto un’ottima prestazione contro una squadra che era difficile da affrontare, nel calcio basta poco per esaltarti e per buttarti giù. Nel primo tempo è stata una partita sporca, una gara equilibrata fino al gol, poi da lì è chiaro che si è fatta in salita, c’era da reagire, da ritirarci su e l’abbiamo fatto».

SU COSA MIGLIORARE – «Manca la continuità degli allenamenti. I risultati li stiamo facendo. C’è grande disponibilità da parte dei ragazzi che si divertono nell’apprendere le cose nuove, chiaramente ci vuole del tempo e i risultati in questo aiutano perchè danno morale. Sotto questo punto di vista la società ci è vicina, ci ha fatto sentire sempre il prorpio sostegno».

ASPETTI NEGATIVI «La squadra ha fatto una buona prestazione. Il torino è una sqaudra tosta, io non vedo apetti negativi in questa partita».

SU MILINKOVIC E LAZZARI IN PANCHINA – «Il derby non c’entra sono rimasti in panchina per far si che tirassero un po’ il fiato. Un tempo di riposo era già programmato».

Martusciello in conferenza

PARTITA – «Abbiamo sofferto il giusto, si sapeva che affrontavamo una squadra tosta. Le difficoltà ci sono state e ci siamo allenati in settimana per questo. Se ci si deve far condizionare dal fatto che loro siano andati in vantaggio e noi abbiamo pareggiato allora è un altro conto. La squadra mi è piaciuta molto nella prima metà del secondo tempo, abbiamo paleggiato e creato diverse occasioni. Ho visto una squadra solida che non ha mollato neanche dopo il gol, ottima reazione. Mister Sarri è contento, io anche. Ora recuperiamo le energie in vista del derby».

ENTUSIASMO – «Non vedo mancanza di entusiasmo. Vedo un gruppo che si allena bene e assimila durante le sedute. Abbiamo pagato a caro prezzo la partita di Milano, dove abbiamo giocato male è meritato di perdere. Contro il Cagliari non meritavano di perdere. Il derby non c’è bisogno di prepararlo. Va affrontato come giusto che sia».

GIOCO – « Una squadra così contro una compagine aggressiva come il Toro non ha mancanze nel gioco. Il Torino è una squadra forte, vedrete che campionato farà. Queste sono polemiche che non esistono. Siamo in difficoltà perché siamo indietro con i concetti che vogliamo dare. Le prestazioni ci sono. Vedo una squadra tranquilla e serena che gioca a testa alta. Non è perché è arrivato Sarri si devono fare 6 vittorie di fila, soprattutto per il cambiamento che c’è stato e ciò che si è ereditato»