Le PAGELLE di Lazio Verona: Luis Alberto magia pura, Strakosha decisivo

© foto As Roma 05/02/2020 - campionato di calcio serie A / Lazio-Hellas Verona / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Sergej Milinkovic Savic-Marash Kumbulla

Le pagelle di Lazio-Verona, sfida valida per il recupero della 17^ giornata del campionato Serie A TIM

Non riesce alla Lazio il sorpasso sull’Inter. All’Olimpico davanti a 45.000 spettatori termina a reti inviolate il match contro il Verona. Ecco i nostri voti.

STRAKOSHA –  Salva letteralmente il risultato nel primo tempo facendo due miracoli prima su Pessina e poi su Veloso VOTO 7

PATRIC – Oggi la maglia da titolare la conquista lui e non delude le aspettative. Fa il suo contenendo  l’attacco del Verona VOTO 6

ACERBI – Dirige come sa la difesa. Anche la sua prestazione è sufficiente, si fa vedere in alcune occasioni anche in avanti VOTO 6

RADU – Una bella prestazione quella di questa sera per il difensore. Oltre ad essere attento nelle chiusure recupera palloni importanti e fa ripartire l’azione VOTO 6

LAZZARI – Sempre il solito treno sulla fascia destra, inarrestabile a volte anche con troppa foga. Meno preciso rispetto al solito soprattutto negli appoggi VOTO 6 (DAL 70′ MARUSIC – Rivede il campo dopo tantissimo tempo, di sicuro ha bisogno di minuti per ritrovare il ritmo partita VOTO 5.5)

MILINKOVIC – Il serbo decisamente sottotono nella serata di oggi. Si fa ammonire nel primo tempo e fa una gara piuttosto contenuta. Dai suoi piedi nasce qualche buona giocata ma troppo poco per quello che ci si aspetta da lui VOTO 5.5

LEIVA – La “solita” partita di sostanza del brasiliano. Mette ordine e soprattutto i piedi nelle azioni più importanti della Lazio. VOTO 6.5

LUIS ALBERTO – Il Mago in tutto e per tutto. Una prestazione da 7 in pagella quella dello spagnolo che è nettamente il migliore dei suoi. Tutte le azioni più pericolose nascono dai suoi spunti. Sfortunato a colpire il palo per due volte e a trovare un super Silvestri in porta VOTO 7.5

LULIC – Fa il suo solito match ma la stanchezza si fa sentire e anche la precisione nei passaggi a sua volta. Inzaghi lo leva al minuto 70′. VOTO 6 (DAL 70′ JONY – Entra al posto di uno sfinito Lulic. Lavora bene sulla fascia sinistra VOTO 6)

IMMOBILE – In campo per tutti i novanta minuti corre avanti e indietro per il campo ma non è arrembante come ci ha ben abituato dall’inizio della stagione. Poco lucidità. VOTO 6

CAICEDO – Anche l’ecuadoriano appare leggermente appannato. Lui e Immobile non si intendono alla perfezione come sempre. Ci mette comunque il fisico. VOTO 6 (DALL’83’ PAROLO – Dopo cinque minuti in cui Inzaghi prima manda avanti lui e poi Adekanye alla fine entra al posto di Caicedo. Normale amministrazione VOTO 6)

INZAGHI –  Mette in campo la Lazio migliore ma alla fine non riesce il sorpasso sull’Inter. Qualche dubbio sul cambio finale di Parlo per Caicedo con Adekanye pronto ad entrare VOTO 6