Stendardo: «Sport e studio si possono coniugare! Inzaghi? È davvero bravissimo»

Stendardo
© foto @LazioNews24

Guglielmo Stendardo si racconta: il difensore, ex Lazio, che non veste solo la maglia da calciatore ma anche la toga da avvocato

Da una parte la toga, dall’altra una maglia. Sono le due vesti di Guglielmo Stendardo: ex difensore della Lazio, meglio conosciuto anche come Willy. La sua carriera di calciatore corre parallela a quella di avvocato, il pallone e la giurisprudenza: due passioni che il giocatore è riuscito a coniugare con successo. A raccontare l’interessante percorso è lo stesso Stendardo, raggiunto da Gianlucadimarzio.com: «Le motivazioni per studiare le ho trovate dentro di me. È più facile diventare un bravo medico o avvocato piuttosto che un bravo calciatore di Serie A. Devo ringraziare la mia famiglia che mi ha dato questo tipo di educazione». E sul ritorno in campo in Promozione con i colori del suo Ateneo: «Mi allenavo già da mesi con i ragazzi della Luiss. Sono contento perché qui posso mandare il messaggio che lo sport si può coniugare con lo studio».

LAZIO – «Inzaghi è uno degli allenatori migliori. Il momento non è dei migliori ma le colpe non sono imputabili a lui. Simone è davvero bravissimo. Ha perso Lucas Leiva a centrocampo, un’assenza pesante, che si sta facendo sentire»

Articolo precedente
milinkovicCalciomercato, l’Inter piomba su Milinkovic: il piano
Prossimo articolo
Luiz FelipeLazio nelle scuole – Correa: «Siamo un gruppo forte!». Luiz Felipe: «Maglia della Lazio grande responsabilità»