Lazio, Reina e gli schemi sulle rimesse

© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, schemi e indicazioni sulle rimesse dal fondo per Reina. Lo riporta l’edizione odierna de Il Messaggero

Cresce l’attesa per l’esordio di Reina, 38 anni ieri. «Auguri Pepe», si sente dagli spalti dello Zandegiacomo. Lui ringrazia con un cenno prima di mettersi a disposizione di Grigioni, preparatore dei portieri. L’ex Napoli lavora sulla reattività e sulla precisione nel gioco con i piedi. «Il portiere è con noi», urla Inzaghi in partitella ai centrocampisti e ai difensori. Un modo per coinvolgere nell’azione il portiere, soprattutto in fase di impostazione. Discorso diverso sulle rimesse dal fondo. Se il pallone è per Correa o Immobile, la rimessa avviene nello spazio, per sfruttare la profondità. Se il destinatario è Caicedo o Milinkovic, il lancio è indirizzato sul “Panterone” o sul “Sergente”, dotati di grande fisicità.

Indicazioni per il futuro, anche perché ad Auronzo, oltre a Ciro e Sergej, mancano all’appello altri cinque giocatori convocati dalle rispettive nazionali: Acerbi, Armini, Marusic, Badelj e Strakosha. Intanto, Reina non perde tempo. Ha già imparato tutti i nomi dei compagni a memoria. La comunicazione è un aspetto fondamentale per i portieri. Così si legge sull’edizione odierna de Il Messaggero.