Lazio, Pulcini: «I falsi positivi sono un problema, chiediamo sempre le contro analisi»

© foto @YouTube

Il responsabile sanitario della Lazio, Ivo Pulcini, ha spiegato la situazione dei tamponi e il problema dei falsi positivi

L’emergenza Covid-19 colpisce anche la Lazio. A poche ore dal match di Champions League contro il Bruges, la squadra di Simone Inzaghi è stata falcidiata dai positivi tanto da permettere la trasferta a solo 13 giocatori e 5 primavera. A TPI, il responsabile sanitario del club biancoceleste, Ivo Pulcini, ha fatto il punto sulla questioni tamponi e delle eventuali differenze tra quelli della UEFA e quelli svolti in Italia.

«Differenze tra tamponi? No, non possono esserci. Io non ho visto differenze nei test tra campionato e Coppa. Certo, esistono diversi tipi di tamponi e ci possono essere diverse ragioni che inducono a usarne uno e non un altro, ma i reagenti funzionano tutti allo stesso modo. C’è il tema dei falsi positivi e dei falsi negativi. Noi, come Lazio, ancora non abbiamo le risposte sui due tamponi fatti ieri. Abbiamo contestato però, in un caso, un falso positivo. E infatti il tampone di controllo ha poi dato esito negativo.

Quando ci sono dubbi, chiediamo sempre la possibilità delle contro-analisi. Ma anche in questi casi, se c’è un problema, è tecnico, non clinico. Se ho un calciatore totalmente asintomatico e un tampone è positivo e l’altro è negativo, è evidente che a cambiare sono le modalità di analisi del test stesso».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy