Murgia: «Ho voluto fortemente il rinnovo. Nazionale? Penso solo alla Lazio»

murgia
© foto www.imagephotoagency.it

Alessandro Murgia a margine dell’evento organizzato dal Coni per la Lazio Cup, torneo riservato agli Allievi, ha parlato della sua stagione e del futuro

Esordio in A e rinnovo per Murgia, presente come testimonial alla presentazione del Lazio Cup, torneo riservato alla categoria Allievi. Il centrocampista biancoceleste a margine dell’evento è intervenuto durante la conferenza stampa: « Nel momento in cui ho esordito in Serie A mi è passato davanti tutto questo percorso che ho fatto. Il gol contro il Torino, si tratta di quell’emozione che definisco indescrivibile, soprattutto segnare in Serie A con la squadra con la quale sono cresciuto fin da bambino e per cui faccio il tifo, spero di poterne fare tanti altri con questa maglia. Vedremo se accadrà, io penso sempre a lavorare al massimo, poi saranno la società e il mister a fare le loro scelte».

RINNOVOMurgia continua: «Il rinnovo è stato voluto fortemente da me e da parte della società. Sono molto felice, per me questo è un punto di partenza e non di arrivo. Ho grandi obiettivi che voglio raggiungere e ce la metterò tutta per farlo. Quest’anno siamo partiti con lo scetticismo iniziale, però lavorando a testa bassa con il mister e i campioni che abbiamo siamo riusciti ad ottenere questi risultati. Ora ci aspettano ancora tre partite di campionato e questa finale di Coppa Italia contro una formazione che negli ultimi anni sta facendo molto bene sia in Italia che in Europa, sarà una partita complicata. Portiamo rispetto alla Juventus ma non abbiamo paura di nessuno, ci giocheremo questa sfida viso aperto». Poi sul sogno Nazionale: «Vestire la maglia della Nazionale è il sogno di tutti i ragazzi, era il mio da quando ero bambino. Il poterlo fare mi riempie di orgoglio in ogni partita e in ogni allenamento. Si tratta di un obiettivo ma si può raggiungere solamente con costanza e con le prestazioni fatte con il club. Sono concentrato a lavorare e a migliorare. Ora bisogna fare grandi cose con la Lazio e se otterrò la convocazione con la Nazionale sarò ben felice».