Lazio, Montesano: «Questa squadra mi ricorda quella di Maestrelli»

© foto www.imagephotoagency.it

Sono tanti i complimenti per la Lazio, dopo la vittoria della Supercoppa. Al coro, si è unito anche Enrico Montesano

Anche Enrico Montesano si è unito al coro dei tanti che stanno esaltando la Lazio, dopo la vittoria della Supercoppa. A CalcioToday.it, ha commentato il momento che la squadra di Inzaghi sta vivendo: «Le mie scaramanzie dicevano che era improbabile battere la Juventus quindici giorni dopo averlo fatto in campionato. I bianconeri hanno due squadre e i suoi rincalzi sarebbero titolari nella Lazio. Non posso credere che sia successo».

CORSA SCUDETTO – «Non ci penso, chi vuole bene alla Lazio come me non deve farlo. Un po’ per scaramanzia, ma anche per oggettività. Se arrivassimo terzi, saremmo contenti. La rosa è poco ampia e in questo mi ricorda quella mitica che vinse il titolo nella stagione 1973-1974. Allora c’erano 13-14 che si alternavano. Oggi è la stessa cosa, oltre agli 11 titolari, abbiamo 3-4 pronti ad entrare quando serve, tipo Bastos e Caicedo».

BANDA MAESTRELLI – «Inzaghi mi ricorda molto il nostro grande Tommaso Maestrelli: oltre ad essere un bravo allenatore è un uomo educato, sensibile, una persona semplice, ma con una grande autorità. Lui è molto affezionato a questa società e lo trasmette alla squadra. Acerbi mi fa pensare a Wilson, il muro di Roma. Milinkovic è un Re Cecconi del terzo millennio. Immobile e il Panterone Caicedo mi ricordano Giorgione Chinaglia, Correa potrebbe essere D’Amico».

LOTITO – «Condivido la politica societaria del Presidente, aveva ragione quando diceva di avere una rosa forte. L’ho sempre difeso, anche quando le cose non andavano bene e veniva contestato dai tifosi in maniera molto pesante. Se dovessi fare uno spettacolo sulla Lazio lo intitolerei ‘Tutto è possibile’».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy