Campagna ‘No Bulli’, presenti Immobile e Lotito: «Educare giovani ed i loro genitori!»

immobile paideia
© foto www.imagephotoagency.it

Lotito e Immobile presenti alla campagna «No Bulli», l’iniziativa avanzata contro il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo

AGGIORNAMENTO ORE 11.30 – E’ poi il momento di Ciro Immobile: «Sono un po’ emozonato, è peggio che tirare un rigore. Sono felice di questa iniziativa, a nome di tutti i compagni ringrazio la regione lazio per l’opportunità che mi ha dato di essere qui. Sono d’accordo con quello che ha detto Alessandro (Florenzi, ndr): siamo assolutamente contrati a ogni forma di razzismo e di bullismo». Conclude così il bomber biancoceleste, non prima della ‘battuta’ del presidente della Lazio: «A vincere l’emozione in campo è bravo, parlare invece è un po’ più complicato».

AGGIORNAMENTO ORE 11.10 – Ecco le prime dichiarazioni del presidente Lotito: «Credo che quest’iniziativa sia molto importante, noi siamo abituati a sovrastare i più deboli. Il calcio però è uno sport collettivo e propagare il concetto che il più forte prevale incide negativamente sulla formazione dei giovani. Noi, società Lazio, abbiamo fatto una serie di iniziative per educare non solo i giovani ma anche i genitori: spesso sono solo ad aizzare i figli. Ai tempi degli antichi greci, lo sport era un momento di rispetto, di civiltà. Bisogna diffondere alcuni concetti, come il rispetto per la persona».

Appuntamento per oggi, alle 10:30 – presso la Sala Mechelli del Consiglio regionale del Lazio – per la presentazione ufficiale della campagna «NO BULLI» promossa per la prevenzione  contro il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. In apertura verrà presentato lo spot realizzato da Micromegas Comunicazione a cui hannopreso parte anche gli atleti delle scuole calcio di Lazio, Roma e Frosinone. Testimonial dell’evento saranno Ciro Immobile, Alessandro Florenzi e Daniel Ciofani. Interverranno – tra gli altri – anche il presidente della Lazio Claudio Lotito, il Vice Presidente della AS Roma, Mauro Baldissoni, e i responsabili del settore giovanile, Mauro Bianchessi e Massimo Tarantino.