Lazio, alla scoperta del Primavera: Tyro Nimmermeer

© foto @Instagram

Conosciamo meglio i talenti della Primavera della Lazio. Oggi mettiamo sotto la lente d’ingrandimento l’attaccante Tyro Nimmermeer

L’Olanda ha da sempre forgiato grandi attaccanti dal futuro lucente: da Rijkaard e Van Basten, passando per Bergkamp ed arrivando a Van Persie. Tutti questi campioni hanno una caratteristica in comune: la determinazione nel voler dimostrare la loro potenza. Determinazione che possiede anche il giovane tulipano che ha stregato la Lazio Primavera: Tyro Nimmermeer. Scopriamo la sua storia.

LA SCHEDA – Tyro Satchel Nimmermeer nasce ad Amsterdam, da origini surinamesi, il 9/07/2001. Da subito ha dimestichezza con il pallone, entrando a far parte delle giovanili dell’Ajax prima e di quelle dell’AZ Alkmaar poi. Con la seconda società sarà legato fino al 2018 giocando nell’U17 ma trovando poco spazio (in due anni solo 18 presenze, ma comunque 3 gol e 2 assist ndr) viene poi svincolato. La sua voglia di ricominciare è tanta e quando nel settembre 2018 la Lazio lo chiama, lui non si tira indietro. Con i biancocelesti esordisce a gennaio perché aspetta per tre mesi il trasferimento, ma è subito buona la prima: Tyro segna il primo gol della gara e si presenta in bello stile. L’olandese conclude la stagione con 9 partite giocate e 2 reti all’attivo. Quest’anno , in Primavera 1, l’attaccante ha trovato più spazio non deludendo le aspettative: 3 gol e 2 assist in 17 partite gli conferiscono l’appellativo di Tyroman.

CARATTERISTICHE – Nimmermeer ha una possanza fisica straripante, che gli consente di essere la classica punta di sfondamento. Il giovane però ha anche una grande velocità che gli permette di giocare anche come attaccante esterno. La sua versatilità e la sua fisicità lo fanno assomigliare alla stella Orange Jimmy Floyd Hasselbaink.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy