Lazio, alla scoperta del Primavera: Sergio Kalaj

© foto @Instagram

Conosciamo meglio i talenti della Primavera della Lazio. Oggi mettiamo sotto la lente d’ingrandimento il difensore Sergio Kalaj

La Lazio Primavera può vantare in difesa una vera e propria montagna rocciosa che non si stanca mai di lottare per la maglia che indossa da ormai 2 anni e mezzo. Oggi conosciamo meglio il percorso di Sergio Kalaj.

LA SCHEDA – Sergio Kalaj è nato a Marino (RM) il 28/01/2000. Le sue origini albanesi gli consentono di giocare per la Nazionale balcanica sin da piccolo, per poi arrivare nell’U21. Il suo percorso inizia al Savio (società dilettantistica romana ndr). Nel 2016 passa in prestito all’U17 della Roma, dove segna 2 gol in 18 gare giocate. A fine stagione i giallorossi non lo riscattano, così la Lazio ne approfitta per non farsi sfuggire un talento così cristallino e lo acquista a titolo definitivo. La prima volta in biancoceleste arriva subito, il 9/09/2017 contro il Chievo. Durante l’annata Sergio è il pilastro della difesa, collezionando 21 presenze, disputando per il 90,5% delle volte le partite dall’inizio alla fine senza mai essere sostituito e realizzando anche un assist. Quando la squadra si trova in Primavera 2B il ragazzo non trova molto spazio, alternando partite da titolare e partite relegato in panchina, ma comunque rimane un pezzo pregiato della Lazio. Mister Inzaghi conosce il valore del difensore e lo convocata per ben 4 volte in Serie A con la prima squadra: la prima volta risale al 4/02/2019 contro il Frosinone. Il ritorno in Primavera 1 torna il sole anche per Kalaj: al momento ha saltato solo 2 partite, giocandone 19 da titolare ed essendo sostituito solo 3 volte. L’albanese ha trovato anche la via del gol nel match contro il Pescara.

CARATTERISTICHE – Il gioiello classe 2000 è un difensore centrale che usa principalmente il piede destro. La sua altezza (1,93 m ndr) lo aiuta nei contrasti aerei, infatti il suo unico gol in biancoceleste è arrivato grazie ad un colpo di testa. Il suo fiore all’occhiello è anche la resistenza fisica, viste le tante partite giocate fino al 90′.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy