Jessica Immobile: «Ci rifaremo al derby di ritorno. Ciro? Sta bene alla Lazio, ma…»

jessica immobile
© foto Instagram @Ciroejessicaimmobile

Nel corso del programma “Le Capitane” Jessica Melena ha rilasciato nuove dichiarazioni riguardo il marito Ciro Immobile

Jessica Immobile, moglie del centravanti della Lazio, negli scorsi giorni aveva già parlato del trauma vissuto dal marito dopo l’eliminazione con l’Italia. Oggi sono emerse nuove dichiarazioni, riportata da leggo.it, sempre centrate sul tema Nazionale, ma non solo. Ecco le parole della show girl: «Per Ciro l’eliminazione dal Mondiale è stata una grande sconfitta, anche perché per ogni calciatore un desiderio è quello di poter giocare in un campionato del Mondo. E sentirsi uno degli ‘artefici’ del gruppo che non è riuscito a portare a termine questa qualificazione è stato davvero pesante per lui, questa scia gli rimarrà a vita. Per quel che riguarda ciò che è accaduto nello specifico Ciro non me ne ha parlato, mi ha spiegato (Immobile, ndr) che le uniche persone che lo possono capire sono le stesse che, come lui, hanno visto questo sogno svanire. Ventura? Sul ct non mi ha detto nulla, io ho mandato un messaggio alla moglie che conosco, visto che il mister allenava il Torino quando c’era anche Ciro. Le ho scritto che mi dispiaceva tantissimo per quello che stava accadendo, al di là di chi fossero le colpe. Mi è dispiaciuto sentire tante critiche e tante cose brutte su una persona. Derby? Ho vissuto Roma-Lazio allo stadio in mezzo a tutti tifosi della Roma. Quando hanno esultato per i gol, ho rosicato un po’, avrei desiderato che a vincere fosse stata la Lazio. Così non è stato, però c’è sempre il derby di ritorno, spero che in quel frangente saremo noi a vincere. Ciro in questo momento sta bene alla Lazio, quindi ora è il posto in cui deve stare. Quello che verrà dopo non lo so, le decisioni le prenderà lui. Io al massimo posso dargli qualche consiglio, se mi fa qualche domanda. Adesso lo vedo alla Lazio, poi da qui a 10 anni non lo so, le cose cambiano. Esperienze all’estero? Dipende dall’opportunità che si profila. Sinceramente penso che gli italiani debbano giocare nel campionato italiano. Lo stesso discorso vale per gli allenatori. Secondo me ci sono tanti campioni e tanti giocatori che è giusto che giochino in Italia. Io e Ciro stiamo bene qui (ride, ndr)».