Inzaghi deluso: «Non meritavamo di perdere. All’Olimpico sarà tutto diverso»

inzaghi lazio europa league
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Simone Inzaghi dopo la gara di Europa League

Disfatta in terra romena per la Lazio che ha perso la gara d’andata del sedicesimo di finale di Europa League. I padroni di casa della Steaua Bucarest sono usciti vincitori da questo match anche se la qualificazione si deciderà all’Olimpico con la Lazio che partirà in svantaggio vista la sconfitta di questa sera per 1-0. Al termine della partita a Sky è intervenuto Simone Inzaghi che ha analizzato la prestazione dei suoi.  «Non abbiamo sfruttato le occasioni che abbiamo creato. Alla gara di ritorno ci giocheremo tutto e penso che ce la potremo fare. Dispiace non aver fatto gol, è un momento difficile per quanto riguarda i risultati. Dovremo essere bravi a ripartire già in campionato con il Verona. La squadra in campo ha fatto quello che doveva fare, c’è rammarico per non aver segnato: il calcio è questo. Giocando così avremo buone chance di qualificazione. La squadra ha giocato bene, sia quelli dall’inizio che quelli che sono entrati a partita in corso: rifarei le stesse scelte. Passaggio del turno? Sicuramente l’1-0 non è un buon risultato. In casa dovremo essere bravi a non subire gol e a ribaltare la partita. Felipe Anderson? Ha dato quello che doveva dare, ci ha aiutato. Il rammarico è non aver fatto gol in una partita così importante. Quando si è abituati a perdere raramente è normale che non c’è più la serenità di prima. La squadra però stasera ha reagito. Questo è un momento no, ma giocando così ritorneremo a vincere e a regalare gioie ai nostri tifosi».

Il tecnico della Lazio è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Radio«E’ normale che ci sia rammarico, a mio parere abbiamo fatto una buona gara dove avremmo meritato di segnare ma in questo momento la palla non vuole entrare. Dovremo essere bravi a fare di più, adesso penseremo al Verona lunedì e poi penseremo a giovedì per la gara di ritorno. Questo momento si supera solo  analizzando e cercando di capire i motivi, in questo momento è crisi di risultai ma non di gioco, abbiamo fatto una buona partita ma non siamo riusciti a segnare. Questo non basta, dovremo essere bravi a fare di più perché vogliamo tornare a vincere.  Loro avevano lo stadio dalla loro parte e l’hanno messa un po’ sulla bagarre, 5 ammoniti in una partita sono troppi ma questa è l’Europa e dobbiamo abituarci. Contro il Verona sarà una partita non semplice perché in questo momento ha fatto ottime partite in trasferta ma lunedì vogliamo tornare a vincere».

Inzaghi in conferenza stampa

Il tecnico biancoceleste ha parlato nella consueta conferenza stampa post-partita.

Cos’è successo stasera?

«Non abbiamo fatto gol e dispiace, ma giocando così la Lazio passerà sicuramente il turno».

E’ un momento no?

«E’ un momento di crisi per i risultati, ma non di gioco. Dispiace non aver fatto gol in trasferta. Lunedì avremo la sfida con il Verona, poi giovedì la gara di ritorno. Abbiamo tutte le carte in regola per fare bene e passare il turno».

Rifaresti un turnover così corposo soprattutto in difesa? 

«Il primo gol una squadra come la nostra non deve concederlo e su questo non ci sono dubbi: abbiamo perso una palla che non dovevamo perdere. Ci sono momenti e momenti nel calcio. Questo non è favorevole, ma devo guardare la realtà. Se giocheremo così torneremo a vincere».

Troppe partite consecutive?

«Questo è normale, ma ce le abbiamo e stasera al di là del risultato ho visto una squadra ben messa in campo, in un ambiente caldo e difficile. La squadra ha messo in campo personalità, ci è mancato solo il gol».

Se l’aspettava così la Steaua?

«Ha fatto la partita che ci aspettavamo, spinta dal proprio pubblico. Ha qualche buone individualità, ma non credo meritassero di vincere, però onore a loro»

 

Come sta Nani?

«Quando si perde si va a cercare il singolo, ma tutti hanno fatto il loro, anche chi è entrato dopo. Non ci siamo sbilanciati e siamo rimasti con lo stesso assetto tattico nella ripresa, dovevamo pensare anche al ritorno».