Pistocchi: «La Lazio può giocarsi la finale. E’ cresciuta grazie ad una dirigenza competente»

lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Pistocchi – opinionista di Mediaset – dice la sua sulla finale di Coppa Italia tra Juventus e Lazio

Tra la Juventus e il triplete… c’è la Lazio. L’armata bianconera continua indisturbata il suo cammino in Champions League, ma la forza di questa squadra non spaventa i biancocelesti. L’undici di Inzaghi è conscio del proprio potenziale e sa che la propria forza risiede nel gruppo. Dopo la prestazione più che convincente contro la Roma, sulla squadra capitolina sono pronti a scommetterci in molti – ai microfoni di Radio Incontro Olympia – l’opinionista Maurizio Pistocchi dichiara: «Se la Lazio sarà al completo potrà giocarsi la partita. Ha avuto una crescita notevole. E’ una squadra solida che fai fatica ad attaccare che si difende e riparte molto bene negli spazi. Il problema è che la Juventus ha un’ottima fase difensiva. Sarà una finale complicata perchè i bianconeri non mollano niente. La Lazio non dovrà illudersi, la squadra di Allegri non arriverà scarica alla finale. Comunque vedremo una partita aperta e combattuta». 

CAMPIONATO E LAZIO – «In Italia c’è una squadra di un’altra categoria, questo è assodato. Sapevamo che Roma e Napoli si sarebbero giocati il secondo posto, mentre le milanesi partivano dietro, anche se mi aspettavo qualcosa in più dall’Inter. Nel calcio italiano ci sono pochi soldi e l’unica società che è davanti a tutti è la Juventus. Solo se i bianconeri sbagliano ci sono possibilità per gli altri. Il mercato della Lazio? Ho sempre detto che in una situazione di crisi economica è la competenza che fa la differenza. La Lazio ha dimostrato di avere una dirigenza competente. Ha acquistato giocatori che ad oggi hanno molto aumentato il proprio valore di mercato. Keita alla Juventus? Il senegalese è un giocatore che ha forza, tecnica e tante qualità. Nel 4-2-3-1 dei bianconeri potrebbe fare sia l’esterno che la prima punta. Il problema è che non so se dal punto di vista mentale sia pronto per giocare con i bianconeri».