Hoedt, l’ufficialità solo quando esce Bastos. Melli: «Questo mercato una presa in giro»

© foto www.imagephotoagency.it

Hoedt torna alla Lazio, ecco il giudizio a RadioRadio di Focolari e Vocalelli

E’ fatta, Wesley Hoedt torna alla Lazio. Ecco le parole di Furio Focolari e Alessandro Vocalelli nel dibattito pomeridiano di RadioRadio.

Paolo Cericola – Quando parte Bastos, sarà ufficiale Hoedt. E’ un prestito oneroso ad un milione, si tentava di prenderlo a zero. Percepiva 2,2 e prenderà 1,5.

Alessandro Vocalelli – La Lazio è passata da poter offrire 20 milioni per Kumbulla due mesi fa a non poter fare un acquisto da 10 milioni? Sono basito. Non so se è peggio quello che si sta combinando o come la si sta raccontando. Hoedt? Potevi tenerti Bastos, conosce la Lazio degli ultimi quattro anni a differenza di Bastos. 

Furio Focolari – La Lazio prende uno che è come Wallace, senza giocare non credo possa essere cresciuto. Spero sempre che la cosa possa naufragare, non è un acquisto per cui si può festeggiare. Quando la Lazio mandò via Hoedt prese Bastos. Adesso manda via Bastos e prende Hoedt. Torna tutto? Nastasic non è un fenomeno, ci lavora il Milan, non c’era di meglio di Hoedt? Ricordo che la Lazio fa la Champions League. Un mese fa la Lazio aveva in mano Kumbulla, David Silva, Borja Mayoral, e già così Alessandro Vocalelli era critico, io ero contento. Oggi Silva è sfumato, Borja Mayoral è scomparso, Fares si allena ma non giocherà, e forse in attacco Muriqi non doveva essere preso a 20 milioni, sarà una riserva. Infine viene Hoedt.

Franco Melli – La Lazio non vuole fare investimenti all’altezza, o forse non può. Inutile girarci intorno, se il 5 ottobre le cose saranno quelle di oggi sarà stata una presa in giro questa campagna acquisti.