Connettiti con noi

Hanno Detto

Gravina: «Superlega? Non ce lo aspettavamo. Su Inter, Milan e Juve escluse dalla Serie A…»

Pubblicato

su

Gabriele Gravina ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo il congresso UEFA che si è tenuto a Montreux. Le parole del presidente FIGC

Gabriele Gravina ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo il congresso UEFA che si è tenuto a Montreux. Le parole del presidente FIGC.

ELEZIONE – «Al di là del valore relativo quello che conta è il valore assoluto perchè 53 voti su 55 da parte delle Federazioni europee, con un risultato mai visto è una gratificazione per il calcio italiano e permettetemi di dividerlo con il calcio italiano. Io sono testimone e portavoce del calcio italiano».

GIORNI DIFFICILI – «Credo di aver vissuto questi due anni in una continua emergenza. Affronteremo questi giorni con fermezza e convinzione anche questo tema. È un problema, è stato un fulmine a ciel sereno, c’era qualche avvisaglia ma non ci aspettavamo una reazione così violenta. Voglio ringraziare quelli che stanno costruendo un muro invalicabile sia da parte politica sia chi ama veramente il calcio».

DELUSO DALLE BIG ITALIANE – «Non sono deluso, capisco che ci sono dei momenti di grande difficoltà. Probabilmente dobbiamo ripartire alcune responsabilità, io farò di tutto affinché ci sia un accelerazione per far passare una linea sotto il profilo del controllo dei costi e della riforma. Non è passabile che si faccia passare come progetto innovativo un progetto che ha come obiettivo un aumento di ricavi. Se non hai sotto controllo i costi non hai maggiore ricavo per iniziative di questo tipo».

BIG ITALIANE ESPULSE – «Il nostro compito non è difendere gli scudetti ma i valori dello sport. Soprattuto quello di rispettare il radicamento sul territorio nazionale del valore e della competizione sportiva. Non possiamo permetterci di offuscare tanti sacrifici di una filiera straordinari che comincia dai dilettanti a salire. Il calcio appartiene alla gente, ai tifosi a tutti i volontari che tengono in piedi questo mondo pur riconoscendo ai grandi club le attività imprenditoriali che mettono in vetrina il nostro calcio». 

RIPARTENZA CALCIO IN ITALIA – «Abbiamo affrontato già da domenica diversi temi con Infantino, credo che la risposta di tutte le Federazioni oggi sottoscrive la nostra capacità di essere presenti per lo sviluppo del calcio europeo».