Giannichedda: «Arrivo di Lotito? E’ stato un dovere restare. Il più grande rammarico…»

© foto www.imagephotoagency.it

Giuliano Giannichedda ha ripercorso le tappe più importanti della sua esperienza a Roma con la maglia della Lazio

Giuliano Giannichedda, intervenuto ai microfoni di gianlucadimarzio.com, ha ripercorso le tappe più importanti della sua esperienza nella Capitale con la maglia della Lazio: «Avevo voglia di confrontarmi con una piazza importante. A Roma sapevo che le responsabilità sarebbero aumentate, ma mi sentivo pronto. Ero in ritiro con l’Udinese, avevano un giorno libero e decisi di alzarmi un po’ più tardi. Quando mi svegliai, vidi che dalle otto in poi avevo tantissime chiamate perse dal mio procuratore, di Fiore e della mia famiglia che mi cercavano, per dirmi che bisognava formalizzare il passaggio alla Lazio. Pensai che fosse successo qualcosa di grave, poi chiamai i miei e mi spiegarono tutto».

RAMMARICO«Non avere vinto la Coppa Uefa. Eravamo una squadra forte, ma fummo beffati dal Porto di Mourinho. Vincere la Coppa Italia è invece il ricordo più bello, a Roma ogni successo è amplificato. L’arrivo di Lotito? Per me è stato un dovere morale restare, andavano via tutti e bisognava dare un segnale».

 

Articolo precedente
bigliettiCoppa Italia, agli ottavi la Lazio affronterà il Novara
Prossimo articolo
formelloFormello – Leiva torna in gruppo. Tanti dubbi per la fascia destra, out Marusic