Caressa: «Non tifo nessuna squadra. A 16 anni seguivo la Lazio, poi la Roma…»

caressa
© foto Lazio News 24

Fabio Caressa ha risposto alle critiche nei suoi confronti, dopo la telecronaca del ritorno di Juventus-Atletico Madrid

Ha fatto discutere la telecronaca di Fabio Caressa nel martedì di Champions. Il giornalista di Sky Sport ha raccontato la rimonta della Juventus ai danni dell’Atletico Madrid, a parer di molti con parecchia enfasi. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il volto noto dell’emittente satellitare ha chiarito la sua posizione: «La stagione del triplete ero interista. L’anno scorso, con la Roma in semifinale di Champions, giallorosso. E in una fase sono stato pure milanista. Non sono tifoso. A 16 anni, quando ho cominciato, seguivo la Lazio. Poi la Roma. Sono cresciuto alla scuola di Sandro Piccinini, e non erano radiocronache di parte».

JUVE-ATLETICO – Fabio Caressa spiega nei minimi dettagli il motivo della sua euforia in telecronaca:«La verità è che Juve-Atletico era importante per tutti: tifosi, Sky che investe sulla Champions, movimento, giornali, calcio italiano. Quando la partita inizia, la telecronaca è pura emozione. Il primo, il secondo, il terzo goal. Tutti di Cristiano Ronaldo, che aveva addosso la pressione del fallimento. Un exploit clamoroso, che va raccontato.Tornando indietro, la rifarei uguale».

FORMELLO – LAZIO, ECCO LE ULTIME NOVITÀ IN VISTA DEL PARMA: