Murgia: «Soffriamo sempre, ma ne usciamo a testa alta. Ora il Sassuolo…»

murgia
© foto Instagram Official S. S. Lazio

Alessandro Murgia mette novanta minuti nelle gambe. Contro lo Zulte è uno dei protagonisti del 2-0 siglato da Caicedo e Immobile

Murgia ancora una volta protagonista. Stavolta per ben novanta minuti. Lazio-Zulte, 2-0 ed altri tre punti per continuare a volare in alto nel girone K. L’Europa League si fa un cammino sempre più interessante per i ragazzi di Inzaghi. Il giovane centrocampista si è presentato ai microfoni di Lazio Style Radio: «Abbiamo sofferto, dobbiamo imparare a chiuderla prima. Mancava la carica dei tifosi, c’era stanchezza, ma il risultato è arrivato. Il passo è stato importante ma dobbiamo pensare al Sassuolo. Sono contento per i miei novanta minuti. E’ bello giocare, ogni occasione va sfruttata, io do il meglio, la squadra mi ha aiutato. Io penso a lavorare, a crescere ogni giorno. Piedi per terra. Nel primo tempo abbiamo palleggiato molto bene, dovevamo tenere i ritmi più alti. Loro sono entrati più freschi, ma noi siamo stati aiutati da Ciro e Sergej. In una squadra bisogna saper soffrire, ma uscirne a testa alta. Abbiamo vinto, siamo felici e ce la godiamo. Nizza? Non ci sono favorite, va dimostrato tutto sul campo. Noi vogliamo uscire primi del girone, quindi poi vedremo nello scontro diretto. Però dobbiamo pensare partita dopo partita, prima il Sassuolo. Il ruolo? Sono contento che il mister abbia fiducia in me, oltre i ruoli contano gli interpreti e la voglia di fare bene».