Connettiti con noi

Hanno Detto

Hysaj: «Rapporto speciale con Sarri, sullo scudetto vi dico che…»

Pubblicato

su

Elseid Hysaj ha parlato della sua esperienza alla Lazio sottolineando l’importanza del rapporto con Maurizio Sarri

Elseid Hysaj, terzino albanese della Lazio, ha rilasciato una lunga intervista a BalkanWeb. Ecco le sue parole:

«Sarri non è cambiato. Non parlo mai molto con l’allenatore. All’inizio abbiamo avuto problemi con il gioco e non avevamo un bel rapporto, ma mi ha sempre ritenuto importante. È una persona speciale, perché quando ti dà fiducia vuoi accontentarlo. Mi ha portato alla Lazio e mi voleva al Chelsea, voglio dargli il triplo di quanto merita».

SULLA LAZIO – «Mi sento molto bene, sono soddisfatto. la Lazio è una grande squadra su cui stanno investendo per ottenere il massimo. L’interesse c’era anche prima, ma non abbiamo trovato l’accordo. Ora che sono arrivato spero di raggiungere i nostri obiettivi».

SULLO SCUDETTO – «Il Napoli è noto per avere un’ottima squadra. Spero che se non dovessimo raggiungere noi il titolo, lo possa vincere il Napoli vincerà. O Napoli o Lazio».

SULL’IPOTESI PREMIER LEAGUE – «C’era interesse qualche tempo fa, ma guarda caso non sono riuscito a partire per l’Inghilterra. Sono soddisfatto delle mie scelte, l’Italia è come la mia seconda casa, ho anche trovato l’allenatore che avevo anni fa (Sarri) e sono molto felice».

SULLA NAZIONALE ALBANESE – «Faccio parte della squadra da tanti anni, e ogni anno diventa più bella. La guardavo in tv, era strano, adesso è un’altra sensazione. Dovremmo essere molto orgogliosi di essere albanesi. L’unico modo per esprimere le ambizioni è attraverso il calcio, perché abbiamo sofferto molto. Dobbiamo dare il 100% per raggiungere i nostri obiettivi».

SULLA GARA CON L’INGHILTERRA – «Una sfida molto bella che ogni giocatore sogna di giocare a Wembley. Ci crediamo, Andiamo in Inghilterra più preparati possibile e non abbandoniamo la nave. Non abbiamo raggiunto l’obiettivo ma abbiamo dimostrato che ci aspetta un grande futuro e possiamo fare molto bene».

PARI CON L’INGHILTERRA O TRE PUNTI CON LA ROMA – «Meglio un punto contro l’Inghilterra, perché con la Roma abbiamo tempo per competere. Con l’Albania sarebbe bellissimo vincere una competizione».

SU REJA – «Non è facile fare i cambi, ma per giocatori come noi bisogna essere pronti quando l’allenatore lo chiede. Conosco le mie qualità, so cosa posso dare e pretendo molto. Ovunque verrò schierato darò il massimo».

SULLE CRITICHE DEI TIFOSI – «Ho giocato nel Napoli che ha i tifosi più pazzi di tutto il mondo, così come in Albania. Non prendo in considerazione le critiche, anzi. Trasformo i commenti negativi in positivi. Non credo di essere un giocatore che dà meno alla Nazionale rispetto al club».

SU CANA – «Rimarrà sempre il leader della nazionale e avrà sempre il nostro rispetto. I giovani in squadra hanno rispetto per noi veterani che siamo più grandi e noi cerchiamo di fare lo stesso».

SU KUMBULLA – «Ho parlato con lui anche in Italia. È un giovane che dovrebbe concentrarsi sull’essere lavoratore, non farsi influenzare dall’esterno. Dovrebbe parlare il campo e non la bocca».

SU KANE E LEWANDOWSKI – «Sono giocatori di livello mondiale, Lewandowski e Kane sono quei giocatori che ti risolvono le partite sottoporta».